questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Un eroe dimenticato del giornalismo

Schede

15/04/2009

Il Golfo di Napoli come la Monument Valley, le strade e i vicoli dei quartieri come le praterie del selvaggio West. Il fragore degli spari non svanisce nell'ampiezza degli spazi, ma rimane impregnato nei muri scrostati e fradici della città vecchia. Il sangue non si disperde nella terra riarsa, ma sedimenta sopra le antiche pietre del selciato. L'aria sa di muffa e polvere. Neanche il silenzio trova scampo. La vendetta, l'odio e la guerra quotidiana hanno stretto in una morsa letale l'intero territorio partenopeo. Gli onesti sopravvivono nell'attesa degli eventi, assediati come in un avamposto che può capitolare da un momento all'altro, come in Fort Apache, non-luogo consegnato dal cinema al mito.

E dal mito alla realtà il passo è breve. Basta un'efficace storpiatura della lingua napoletana a cancellare ogni evocazione epica, a traghettare una tragedia di più di venti anni fa nella cronaca dei nostri giorni, come suggerisce Fortapàsc, l'ultimo film-inchiesta di Marco Risi (Mery per sempre, Il muro di gomma), che a dispetto del titolo, non sciorina solamente inseguimenti e sparatorie, ma racconta gli ultimi quattro mesi di Giancarlo Siani, un ventiseienne allegro e generoso che amava il giornalismo, la pace e la verità più d'ogni altra cosa, e che lasciò in una via del Vomero la sua giovane vita, cessata da un nugolo di pallottole, e ancor più dalla barbarie e dall'indifferenza.

Quella di Giancarlo Siani (1959) è una storia comune a molti cinquantenni. Il periodo del liceo (fine anni Settanta) contrassegnato dall'impegno politico nel movimento degli studenti, e sfiorato dagli anni di piombo; la coscienza pacifista e l'università, l'interesse e l'impegno a favore del disagio e dell'emarginazione, humus sempre più fertile per l'arruolamento criminale; la partecipazione attiva alle molteplici attività sociali in ambito democratico e civile; i primi articoli sul periodico "Osservatorio sulla camorra", e la collaborazione presso il quotidiano "Il Mattino", come corrispondente da Torre Annunziata.

 

Scritto da ADMIN
VOTO
 

SCRIVI UN COMMENTO

  • Image User
    Non risulti attualmente loggato!
    Non è più; possibile lasciare commenti.

FILM IN SALA

PROSSIMAMENTE