questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Speciale Madagascar

Schede

09/03/2009

Ecco: è esattamente questo che succede in Madagascar, il nuovo film che vedrete a settembre e che è stato realizzato dalla DreamWorks, cioè dalla casa di produzione per film di animazione fondata da Steven Spielberg (uno dei più grandi registi viventi, autore fra l'altro di E.T. e di Jurassic Park).
Insomma: quattro animali dello zoo del Central Park di New York, un leone, una zebra, una giraffa e un ippopotamo, si ritrovano naufraghi nel Madagascar, una grossa isola a fianco dell'Africa. Qui, questi quattro nativi newyorkesi devono inventarsi il modo per sopravvivere nella giungla…
E saranno dolori! Nonostante siano animali esotici, non hanno mai messo piede fuori dalla gabbia: il leone è abituato a farsi servire le bistecche condite, la zebra è come un signore un po' abitudinario che torna tuttte le sere dal lavoro, la giraffa è fissata con le malattie e con le medicine e l'ippopotamo… Beh, intanto l'ippopotamo è in realtà un'ippopotama. E' l'unica femmina del gruppo e, in quanto femmina, è anche un po' più equilibrata degli altri. Ciò non toglie che anche lei, esattamente come gli altri, quando arriverà nella giungla reale di Madagascar, si accorgerà tutt'a un tratto che la vita non è sempre quella rassicurante della propria casetta… Anche se la "casetta" è uno zoo! E scoprirà, con gli altri, che in questi casi l'amicizia conta più di ogni altra cosa.

Due giungle diverse: New York e il Madagascar

Una delle più grandi città del mondo e un'isola africana: cos'hanno in comune? Un bel niente, direte. Sbagliatissimo: tutt'e due sono caotiche. Tutt'e due sono luoghi enormi, sconfinati. E tutti e due sono posti difficili: per sopravvivere devi darti molto, ma molto da fare.
La scenografa e il grafico hanno lavorato in modo da farli sembrare così diversi, ma così diversi da renderli… somiglianti.


Pochi colori e neanche una stella per rappresentare la grande città

Per New York sono stati usati colori molto leggeri: non si vede un filo d'erba, lo zoo dove abitano i nostri quattro amici è tutto di pietra mattoni, non c'è luna, non ci sono stelle… I disegnatori hanno deciso di ambientare le scene di New York in tardo autunno, in modo da avere a disposizione una tavolozza di colori molto tenui. Lo zoo di Central Park assomiglia molto di più a come era lo zoo 40 o 50 anni fa che a come è adesso (adesso, per esempio, non ci sono molti animali grandi). La scenografa è andata a ricercare nell'archivio dello zoo le foto degli anni Sessanta, le ha riversate nel computer e le ha paragzonate allo zoo di oggi. Racconta: "Abbiamo messo nel nostro zoo anche un edificio chiamato The Arsenal e poi abbiamo disegnato tutto intorno"….



Giallo, rosa, rosso, verde… Per l'isola uno scoppio di luce

Tutto il contrario nel Madagascar! Per realizzarlo, gli animatori si sono sbizzarriti. Colori sfavillanti, nemmeno un puntino rimane grigio… In più, ogni colore che è stato usato non è semplicemente un colore, ma molto di più. Il rosa non è solo rosa, ma fucsia, il verde è un bel verde brillantissimo, ecc… Per dipingere la giungla del Madagascar al meglio sono stati presi i dipinti di un vero pittore, un francese che si chiama Henri Rousseau il quale… Non è mai stato nella giungla in vita sua! Però, hanno spiegato i disegnatori, l'ha inventata molto bene. Per completare l'opera dando l'impressione della tridimensionalità, sono stati realizzati dei modellini (c'erano anche minuscoli baobab!): usando una piccola cinepresa, i filmaker hanno potuto filmare le scene come se queste venissero guardate dagli animali…


Scritto da ADMIN
VOTO
 

SCRIVI UN COMMENTO

  • Image User
    Non risulti attualmente loggato!
    Non è più; possibile lasciare commenti.

FILM IN SALA

PROSSIMAMENTE