questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

La Passione secondo Freccero

Schede

09/03/2009
L'Islam ha liberato la passionalità di tutte le altre fedi. La ferita dell'11 settembre, inferta al cuore dell'impero, ha reinserito nel dibattito occidentale valori "pesanti" come l'integralismo religioso, il moralismo sociale, il concetto di patria e libertà. L'occidente non è oggi più musulmano, ma sicuramente più integralista e cronologicamente inserito in un'era pre-illuminista e pre-moderna dove hanno di nuovo spazio valori e categorie obsolete.

In questo nuovo ordine del discorso si inserisce il film di Gibson "La passione di Cristo". Il film è sulla passione religiosa allo stato puro.
Perché questa passione religiosa è così scandalosa? Perché si fonda sulla visione del supplizio che nell'etica illuminista è impresentabile, barbarico.
Ed è un supplizio che ha per oggetto il corpo di Cristo, la personificazione della divinità.
Solo nel Cristianesimo esiste il paradosso per cui Dio prende corpo, il Verbo si fa carne. Nelle altra religioni il divino è irrappresentabile. Il supplizio, la materialità, la carnalità, sono esclusivi del Cristianesimo, il Crocefisso ne è il simbolo.
E il supplizio, la passione, sono fatti per essere visti.
Scritto da ADMIN
VOTO
 

SCRIVI UN COMMENTO

  • Image User
    Non risulti attualmente loggato!
    Non è più; possibile lasciare commenti.

FILM IN SALA

PROSSIMAMENTE