questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Il mito di Star Wars: che la Forza sia con noi

Schede

13/01/2012

Quando il 30 maggio del 1977 è uscito nei cinema degli Stati Uniti il primo Star Wars che in Italia fu, in seguito, distribuito con il titolo di Guerre Stellari il 21 ottobre dello stesso anno, nessuno aveva neppure lontamanete previsto il successo che quel film, primo di sei, avrebbe riscosso in tutto il mondo trasformando la storia di un manipolo di eroi spaziali di una ‘galassia molto lontana’ in una vera e propria leggenda.

Scritto e diretto da George Lucas, autore, fino a quel momento di solo due titoli che avevano riscosso una certa attenzione da parte del pubblico (L’uomo che fuggì dal futuro e American Graffiti)  Star Wars si è trasformato rapidamente in una “leggenda” che tra l'altro ha dato vita ad un fenomeno senza precedenti di merchandising legato ai giocattoli, alle magliette e agli oggetti del film.

Pian piano la trilogia iniziale di Star Wars si è trasformata in icona della cultura pop degli anni Ottanta e Novanta, per  entrare  nell’immaginario collettivo del Ventunesimo Secolo.

A metà  degli anni Novanta Lucas ha deciso di tornare dietro alla macchina da presa per completare la saga con un’altra trilogia che doveva raccontare quanto era accaduto prima del film del 1977 che del resto si intitolava Episodio IV – Una nuova speranza. Inventando il termine prequel e coinvolgendo i suoi collaboratori storici, Lucas ha dato vita a tre film iniziati proprio con Episodio Uno – La Minaccia Fantasma che adesso viene riproposto in 3D.

Da notare, però, che oltre ai sei film ufficiali e al meno conosciuto Tv Movie, Star Wars – L’avventura degli Ewoks incentrato sugli strani e buffi esseri pelosi di Episodio VI – Il Ritorno dello Jedi oltre ad un numero impressionante di romanzi, fumettti e di videogames la saga di Star Wars - Guerre Stellari ha generato, tra gli altri, anche due serie televisive d’animazione e un film in CGI legati alle cosiddette Clone Wars che costituiscono il punto di raccordo tra l’Episodio II  e l’Episodio III.

Questo a testimonianza della ricchezza narrativa della saga di Star Wars che non solo è riuscita a catturare diverse generazioni di spettatori, ma – soprattutto – a stabilire il primo grande punto di contatto tra fantascienza e fantasy, tra cinema d’avventura e d’azione allargando a dismisura lo spazio da noi conosciuto.

Ma quali sono state le ragioni del successo e, soprattutto, di un consenso così universale?

Probabilmente la grande intuizione di dare vita ad un film di fantascienza che ponesse dei quesiti di natura esistenziale agli spettatori, insegnando loro a fidarsi del Bene e del proprio istinto e, soprattutto, a instillare nelle persone il seme della libertà rispetto ai condizionamenti di entità malvage e inquietanti.

Star Wars è figlio della controcultura degli anni 60 e non a caso i protagonisti, i buoni sono ‘i ribelli’: quelli che proprio come i giovani della generazione di Lucas avevano messo in discussione il potere costituito.  

Ma la grandezza di Lucas è stata soprattutto nella capacità di inventare e articolare un intero universo popolato da creature diversissime tra loro eppure accomunate dalla stessa matrice, quell’energia vitale chiamata appunto ‘Forza’ che è la base della comunità di tutti gli esseri viventi.

Lo stesso Impero è un elemento di grande interesse in quanto sublimazione di un’istituzione totalitaria che domina tutti, che impone un modello di vita con la forza, che chiede anzi ordina al suo popolo di obbedire. In questo caso, dietro all'Impero galattico,  non c'è tanto l'ombra degli Stati Uniti, che rappresentano, per quanto contestata,  la più matura democrazia del pianeta, quanto piuttosto un eco lontana di come sarebbe stato il nostro pianeta se, alla fine della seconda Guerra Mondiale, fosse stato il nazismo a trionfare.

Eppoi c’è l’eterna lotta tra il Bene e il Male, non metafisica, ma concretamente diretta, con il male che prende il sopravvento, fino alla redenzione finale con una serie di intrecci dal sapore quasi shakespeariano.

Da non dimenticare, poi, il grande senso dell’umorismo che, da sempre, accompagna i protagonisti dei film, rendendo ancora più coinvolgenti le loro avventure. Elementi questi ultimi che hanno caratterizzato anche i tanti videogiochi legati a Star Wars nonché la costruzione, mattoncino dopo mattoncino, dell’Universo immaginato da Lucas da parte di Lego.

Star Wars, dunque, non è solo una serie di film, ma una vera e propria grande saga fatta di storie, personaggi, luoghi e momenti indimenticabili diventati ormai un grande universo narrativo parte integrante della nostra modernità.

 

Marco Spagnoli

Scritto da Patrizia Morfù
Tag:
VOTO
 

SCRIVI UN COMMENTO

  • Image User
    Non risulti attualmente loggato!
    Non è più; possibile lasciare commenti.

FILM IN SALA

PROSSIMAMENTE