questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

I cicli vitali - Speciale Earth parte V

Schede

16/04/2009

Il film

Earth è pieno di scene incantevoli, intime e drammatiche, in cui tre dei maggiori mammiferi del mondo si occupano della loro prole. Il film mostra in tutta la sua forza il potere dell'istinto animale di nutrire e proteggere i cuccioli. Dalla madre di orso polare, che ignora la sua fame mentre attende pazientemente di far nascere i cuccioli nel mare ghiacciato dell'Artico, alla stanca e assolata madre di elefante africano, che è impegnata in un lungo viaggio per l'acqua, e che si volta durante il percorso per sostenere il suo cucciolo esausto dietro di lei; fino ad arrivare alla megattera, che sbatte con forza le due pinne sulla superficie dell'oceano per mantenersi in contatto con la sua prole, nonostante le acque tempestose. Oltre a questo, vengono mostrati alcuni dei comportamenti più affascinanti e comici che si riscontrano nei volatili: l'elaborato spettacolo dell'accoppiamento dell'Uccello del Paradiso e i tuffi dell'anatra mandarina.


I CICLI VITALI

Tutti gli esseri viventi hanno un ciclo vitale, dai minuscoli batteri fino alla gigantesca balena blu. Un ciclo vitale comprende la nascita, le prime fasi dello sviluppo, l'adolescenza, l'età adulta, l'accoppiamento, l'attenzione verso la prole e la morte. In questo ciclo, lo scopo di ogni individuo è di svilupparsi, crescere e imparare abbastanza per sopravvivere, per poi tramandare i suoi geni alla prole. I cicli vitali di molti animali sono strettamente legati alle stagioni del pianeta.

 

L'ELEFANTE AFRICANO

L'età in cui gli elefanti raggiungono la maturità varia con le condizioni ambientali. Le femmine, di solito, sono pronte alla riproduzione a 14 anni circa, ma arrivano a farlo quasi fino ai 60. I maschi devono aspettare fino ai 20 anni prima di accoppiarsi. L'apice della procreazione sono le stagioni delle piogge in cui gli elefanti possono procreare in qualsiasi momento. Le femmine di elefante affrontano una delle gravidanze più lunghe per quanto riguarda i mammiferi: 22 mesi. Alla nascita, i cuccioli sono alti dagli 80 ai 105 cm alle spalle, e pesano dai 90 ai 120 chili. Quando sono appena nati, i cuccioli possono avere un controllo approssimativo della proboscide e possono tremare sulle zampe per alcuni giorni, ma quando raggiungono i due giorni di vita di solito si muovono con il branco. All'inizio dipendono completamente dalle loro madri per il latte, ma poi incominciano a giocare con la vegetazione e allora mangiano foglie, arbusti, ramoscelli e radici. Loro continuano a succhiare il latte almeno fino ai due anni, ma dopo sei mesi lo fanno meno spesso. Se un cucciolo perde la madre prima di arrivare ai due anni di età, è improbabile che riesca a sopravvivere. Il legame tra una madre e il suo piccolo è veramente forte. Una femmina probabilmente rimarrà con il branco per il resto della sua vita, mentre i cuccioli maschi restano fino a quando non sono sufficientemente grandi per accoppiarsi, e allora lo abbandonano. I maschi all'inizio formano dei piccoli gruppi definiti "branchi di scapoli", ma alla fine diventano solitari. Nonostante i maschi diventino più grandi delle femmine con la crescita, sono queste ultime ad assumere il ruolo di leader del branco.

 

 

Scritto da ADMIN
VOTO
 

SCRIVI UN COMMENTO

  • Image User
    Non risulti attualmente loggato!
    Non è più; possibile lasciare commenti.

FILM IN SALA

PROSSIMAMENTE