questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...
DVD
22/02/2012

Melancholia Dvd

Copertina del
(Melancholia, 2011, Danimarca, Italia, Svezia, Germania, Francia)
  • Distributori: Rai Cinema srl
  • Durata: 136'
  • Supporto: DVD
  • Tipologia: in Vendita
  • Uscita: 22/02/2012
Scheda Film
  • Titolo: Melancholia
  • Supporto: DVD
  • Codice Regionale: 2
  • Visto di Censura: no
  • Rapporti Schermo: 2,35:1 Anamorfico
  • Formato Video: PAL
  • Formati Audio: Dolby Digital 5.1 Italiano, Inglese
  • Sottotitoli: Italiano non udenti
  • Prezzo: 14,99 €
VOTO
 

1 COMMENTO

  • Image User
    catdog il 27/03/2012
    alle 18:01

    Melancholia Dvd

    L’inizio del film è particolare sembrano delle fotografie che prendono vita, molto suggestivo.
    Il regista fa vivere lo spettatore con grande partecipazione tutto il film fin dalla prima scena, lo prende per mano e quasi come per magia lo porta come un entità invisibile dentro le scene, lo fa sentire libero di vagare tra gli attori e la macchina da presa. Ecco il sommo genio.
    Ho percepito in tutto il film una latente angoscia, il regista “mi convince” a non credere in nulla al nichilismo più feroce, mi sento affranto perché la vita e la Terra sono “cattive” e meritano un’inesorabile morte, senza speranza di rinascita. E’ un film forte, come la disperata ed inutile fuga della madre verso la città, dove nasconde il significato che davanti all’ineluttabile, nulla ci può salvare. Bellissima e sublime la scena di quando Justine dice alla sorella, dopo avergli detto che lei già sapeva il numero esatto dei fagioli nella bottiglia, che non c’è nulla dopo la morte ma soltanto un vuoto cosmico. Il regista rende palpabile e materializza quell’atmosfera di falsa felicità dove ogni cosa è mascherata ed è finta, dove tutti devono per forza essere felici quasi come se fosse un dogma, la felicità è obbligatoria altrimenti l’umanità ti mette al bando, solo la sorella capiva Justine, impazzita e impotente davanti alla ineluttabile verità di morte, eppure certe volte anche lei la odiava con tutta se stessa. Un film crudo dove i genitori ripudiano i figli perché vuoti e resi schiavi del danaro.  Ci sono poi molte metafore e simboli nel film che solo un grande spettatore attento riesce a cogliere, e si potrebbe parlare per ore.
    Invece, non mi è piaciuto l’esagerata dominante del giallo nelle scene esterne quasi come se il regista non avesse fatto un corretto bilanciamento del bianco, ma probabilmente è stata una cosa voluta. In ultima analisi, l’opera l’avrei fatta più lunga, mi dispiace tanto quando finisce e sicuramente è da rivedere più volte. Per certi versi mi ricorda un poco il meraviglioso The tree of life by Terrence Malick.

SCRIVI UN COMMENTO

  • Image User
    Non risulti attualmente loggato!
    Non è più; possibile lasciare commenti.

TOP FIVE VENDITE