questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

The Rum Diary - Cronache di una Passione

Locandina del film The Rum Diary - Cronache di una Passione
TRAILER Fermo immagine del trailer
The Rum Diary - Cronache di una Passione
(The Rum Diary, 2010, Usa)

Un grande omaggio che Johnny Depp ha voluto fare ad un grande scrittore, all’inventore del ‘gonzo journalism’, oltre che ad un suo amico fraterno fino alla scomparsa avvenuta nel 2005: Mister Hunter Stockton Thompson. The Rum Diary è l’adattamento di un suo racconto/capolavoro del 1959.

 

Paul Kemp (Johnny Depp) è un giornalista freelance. Stanco della confusione e della follia di New York e delle pesanti convenzioni sociali dell’America negli ultimi anni di Eisenhower, Kemp si trasferisce a Puerto Rico per scrivere su un quotidiano locale, The San Juan Star, diretto da Lotterman (Richard Jenkins). Adeguatosi volentieri all’abitudine dell’isola di bere continuamente rum, Paul è ossessionato da Chenault (Amber Heard), la bellissima americana del Connecticut fidanzata con Sanderson (Aaron Eckhart). Sanderson, un uomo d’affari implicato in loschi investimenti immobiliari, è uno dei sempre più numerosi imprenditori americani decisi a trasformare l’incontaminata Puerto Rico in un paradiso capitalistico a disposizione dei ricchi. Quando Sanderson lo assume per scrivere a favore del suo progetto, Kemp ha di fronte a sé una scelta: usare le sue parole per sostenere il corrotto uomo d’affari o usarle per attaccare il suo progetto.

 

Hunter Stockton Thompson, Johnny Depp e Bruce Robinson, il regista di un cult assoluto come Withnail & I (uscito in Italia con il titolo: Shakespeare a colazione), un ottimo trio per adattare sullo schermo The Rum Diary, libro che lo scrittore di Paura e Delirio a Las Vegas scrisse nel 1959 per poi dimenticarsene. Appena lasciata l’Air Force e dopo aver lavorato come fattorino al “Time Magazine”, nel 1960 il futuro ideatore del “gonzo journalism” Hunter S. Thompson si trasferì a San Juan, Puerto Rico, dove scrisse per la rivista di sport “El Sportivo”, che però chiuse presto le pubblicazioni, e cercò senza successo di farsi assumere al “San Juan Star”. Le persone che conobbe e le esperienze che visse a Puerto Rico lo spinsero a scrivere “The Rum Diary”, ma il libro non venne mai pubblicato. Solo negli anni ’90 Johnny Depp, molto legato a Thompson, scoprì casualmente il manoscritto durante una visita fatta all’amico nella sua casa di Woody Creek. Quella notte stessa i due decisero di pubblicare il romanzo e di farne un film. Depp convinse poi Bruce Robinson a scrivere la sceneggiatura e a dirigere il film. La loro versione di The Rum Diary è un atto di affetto e un tributo intelligente a Thompson. “Inizialmente lavorare su The Rum Diary – ha affermato Bruce Robinson – è stato un vero incubo. Fondamentalmente c’erano solo due personaggi, Yeamon e Kemp, e non riuscivo a capire come poteva essere adattato. C’è voluto del tempo prima che mi rendessi conto di quello che aveva fatto Hunter, cioè dividersi in due, ovvero tutti e due sono lui. Così mi sono decisamente allontanato dal libro, in sceneggiatura saranno rimaste due o tre battute di Thompson, ho cambiato anche la visione di Puerto Rico, ma spero di essere riuscito a mantenermi fedele al suo spirito”. Per Depp e Robinson, era importantissimo che The Rum Diary fosse il film della storia delle origini di Thompson. “E’ prima che Hunter diventasse Hunter, o piuttosto, prima che Hunter Thompson diventasse il Dr. Hunter S. Thompson. – ha detto Johnny Depp - Inizi a vedere e sentire e capire gli elementi che lo hanno portato a diventare Raoul Duke in Fear and Loathing in Las Vegas. Per tutti questi motivi è stato semplice per me interpretare Paul Kemp, proprio perché mi sono avvicinato al personaggio come se fosse Raoul Duke che sta imparando a parlare. E’ stato come interpretare lo stesso uomo, solo 15 anni prima. C’è qualcosa dentro di lui, un’energia che brucia e che è pronta ad esplodere”.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE