questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Il Discorso del Re

Locandina del film Il Discorso del Re
TRAILER Fermo immagine del trailer
Il Discorso del Re
(The King's Speech, 2010, UK, Austrailia)

Dopo la morte di suo padre Re Giorgio V (Michael Gambon) - e l' abdicazione di suo fratello Re Eduardo VIII (Guy Pearce) che preferì seguire le ragioni sentimentali (la sua relazione con la divorziata Wallis Simpson), a quelle di Stato - il Duca di York Bertie (Colin Firth), che soffre da sempre di una grave forma di balbuzie, viene incoronato Re Giorgio VI d’Inghilterra. Con il suo paese sull’orlo della guerra e disperatamente bisognoso di un leader, sua moglie, Elisabetta (Helena Bonham Carter), la futura  Regina Madre, organizza al marito un incontro con l’eccentrico logopedista Lionel Logue (Geoffrey Rush), nella speranza di farlo guarire da quella malattia che lo rende inadatto e perfino ridicolo in un ruolo così importante. Dopo un inizio burrascoso, il Re accetta di sottoporsi ad un tipo di trattamento non convenzionale. Con l’aiuto di Logue e della sua famiglia, il Re riuscirà a superare la sua balbuzie e farà un memorabile discorso alla radio che ispirerà la sua nazione guidandola contro la Germania nazista.

 

Il film, candidato a 12 Premi Oscar, ha vinto il premio del pubblico al Toronto International Film Festival, 5 British Independent Film Awards 2010 e dopo aver ottenuto 7 candidature ai Golden Globe 2011 ne ha meritata una a Colin Firth, come miglior attore protagonista.

 

Grazie alla magnifica interpretazione di Colin Firth (ed a quella altrettanto superlativa di Geoffrey Rush), la storia vera di Re Giorgio. nominato Re contro la sua volontà, diventa un quasi-thriller. Con l'aiuto di una premurosa consorte e di un logopedista-psicologo australiano, per superare la sua balbuzie e affrontare le sfide della Storia a cui è chiamato, dovrà  prima sconfiggere i suoi fantasmi interiori rappresentati da una ingombrante figura paterna, il complesso di inferiorità nei confronti del fratello, e soprattutto da una scarsissima autostima. 

Vincitore Miglior Film
Vincitore Miglior Regia
Vincitore Miglior Attore
Vincitore Miglior Sceneggiatura originale
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE