questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Lo Hobbit: La desolazione di Smaug

Locandina del film Lo Hobbit: La desolazione di Smaug
TRAILER Fermo immagine del trailer
Lo Hobbit: La desolazione di Smaug
(The Hobbit: The Desolation of Smaug, 2013, Usa, Nuova Zelanda)

Secondo capitolo della saga de Lo Hobbit, prequel della trilogia del Signore degli Anelli, con il maestro del fantasy Peter Jackson che guida, ancora una volta, il pubblico mondiale alla scoperta del mondo di Tolkien.

Dopo essere miracolosamente scampati, grazie all'aiuto delle Aquile, a un'imboscata degli orchi capitanati da Azog il Profanatore, Gandalf, Bilbo, Thorin e la piccola compagnia di nani si rimette in viaggio alla volta della Montagna Solitaria, un tempo sede della capitale del regno di Erebor, ora dimora del terribile drago Smaug. Il gruppo deve recuperare il tesoro posto nel cuore della montagna, sorvegliato dal drago. Dopo aver superato le Montagne Nebbiose, la compagnia dovrà cercare l'aiuto di un potente sconosciuto, prima di procedere senza il loro mago. Una volta raggiunto un villaggio umano toccherà a Bilbo Baggins rispettare gli accordi presi con i nani: cercare, da bravo ladruncolo quale è, la porta segreta per accedere all'antro del drago Smaug.  Lì si troveranno dinanzi a delle nuove prove terribili prima di potere proseguire il loro cammino, mentre Gandalf dovrà recarsi a Sud per compiere un destino molto misterioso. Riuscirà il gruppo a sopravvivere alle forze malefiche che sembrano pronte a coalizzarsi contro i suoi membri?

 Liberamente ispirato al libro Lo Hobbit, La Desolazione di Smaug il film propone nuovi personaggi come Tauriel, l’Elfa interpretata dalla Star delal serie televisiva Lost Evangeline Lily che non esisteva nel romanzo originale e che Jackson ha voluto introdurre nella storia in qualità di guerriera a capo delle guardie elfiche “Per noi significava potere concentrare su questo personaggio tutta l’energia femminile.” Spiega la sceneggiatrice Fran Walsh “E’ un personaggio puramente tolkeniano per la sua grande energia.”.  Oltre lei bisogna aggiungere il comico, lo scrittore e autore Stephen Fry interpreta il Borgomastro di Pontelagolungo; Luke Evans è Bard l’arciere, mentre Benedict Cumberbatch, reduce dal successo de La Talpa e Star Trek – Into Darkness doppia in originale il drago Smaug. Del resto, per sua stessa ammissione, l’attore da piccolo veniva addormentato dal suo papà con la lettura di un capitolo proprio de Lo Hobbit.

A questi nuovi personaggi e interpreti bisogna aggiungere il ritorno di Orlando Bloom nel ruolo dell’amatissimo arciere elfo Legolas, che sebbene non appaia anche lui nel romanzo di Tolkien è stato inserito dal regista per collegare meglio le due trilogie di film. Una scelta che ha già messo d’accordo tutti i fan visto l’affetto che questo elfo dalla mira infallibile riscuote in tutto il mondo. 

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE