questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio

Locandina del film Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio
TRAILER Fermo immagine del trailer
Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio
(Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio, 2010, Italia)

Roma. La Piazza Vittorio del titolo è il cuore dell’Esquilino, storico quartiere romano, residenza borghese della burocrazia di fine Ottocento. Circondato dalla Roma più turistica e mondana, la sua vicinanza alla stazione centrale ne ha fatto negli anni, come in tutte le metropoli del mondo, un variegato luogo di approdo e stratificazione etnica e culturale. In un vecchio palazzo umbertino si snodano le vicende di un eterogeneo gruppo di inquilini, una piccola “folla multietnica” segnata da forti differenze culturali, di provenienza, di religione, di modi di intendere la vita. Nell’ambiente chiuso del palazzo e del condominio si consuma lo “scontro di civiltà” in cui tali differenze emergono prepotentemente nel quotidiano e diventano malintesi, piccole prevaricazioni, diffidenze. Le storie dei personaggi seguono i propri percorsi, incrociandosi l’un l’altra in ragione di una condivisione forzata dello spazio, del quartiere, del palazzo e del suo ascensore, puntualmente all’origine di tante dispute condominiali. Ognuno di questi personaggi esprime la sua solitudine, il suo male di vivere, offrendo uno spaccato, della sua esperienza di vita, le sue riflessioni e i suoi sentimenti. Chi cerca l’ispirazione per una fotografia, chi il cane improvvisamente smarrito, chi convive con le proprie rinunce, chi con la malavita locale, chi con le ruggini burocratiche a cui devono sottostare gli extracomunitari. Una morte improvvisa rompe il già instabile equilibrio condominiale. Tutti possono essere potenziali assassini e tutti si trovano a incolparsi l’un l’altro. Saranno loro, tutti insieme, allontanando per un momento ogni contrasto, a svelare al commissario il nome dell’assassino, al posto di quell’unico testimone che però non può parlare: l’ascensore.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE