questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Rush

Locandina del film Rush
TRAILER Fermo immagine del trailer
Rush
(Rush, 2013, USA)

La storia di uno dei più grandi duelli della Formula Uno, quello tra James Hunt e Nicky Lauda nel mondiale 1976.

La storia di quel mondiale epico e del dualismo tra due personaggi così diversi, freddo e razionale Lauda (Daniel Brühl), trasgressivo e rubacuori Hunt (Chris Hemsworth), ha affascinato il regista Ron Howard, autore di Apollo 13 e il Codice Da Vinci, che ha deciso di trarne un film. Un capitolo è riservato al grave incidente occorso a Lauda sul circuito di Nürburgring nell'agosto del 1976, che stava per costargli la vita. Solo sei settimane dopo, l'austriaco torna a guidare la sua Ferrari per competere ancora una volta contro Hunt, che, a bordo della McLaren, avrebbe vinto la finale del campionato di Formula 1 per un punto di vantaggio.

Si tratta del secondo film di Ron Howard basato su una storia vera, dopo A Beautiful Mind, in cui si raccontava della vita del matematico premio Nobel John Forbes Nash Jr,.

Girato principalmente in Inghilterra ed in vari circuiti, Howard ha ricostruito molte scene leggendarie, dal drammatico incidente di Lauda al Nurburgring, al finale thrilling al Gp del Giappone al Fuji in cui Lauda si ritirò a causa della fortissima pioggia scatenando una polemica sul diritto per un pilota di aver paura e di scegliere liberamente di non correre mentre tutti i suoi colleghi proseguono la corsa. Il tre volte campione del mondo (1975, 1977 e 1984)  SourceURL:file://localhost/Users/g3/Desktop/pri%20sett/scheda_Rush.doc

Niki Lauda,  che ormai ha 62 anni ed è il Presidente della Mercedes F1, porta ancora sul viso e sul corpo i segni di quell'anno e di cosa era, all'epoca, la formula 1. Howard ha voluto che fosse lui il primo a vedere il film, organizzandogli una proiezione 'segreta'  in occasione del Nurbugring di quest'anno. 

"Non ho mai visto qualcosa di così reale sul nostro sport", ha commentato Lauda. "Mi dispiace solo che anche James (Hunt) non fosse qui con me a guardare la nostra storia (Hunt è morto nel 93). Credo si sarebbe parecchio divertito. Molti appassionati di corse automobilistiche, che nei Settanta neppure erano nati, avevano bisogno di un film che gli facesse capire com'era quell'epoca delle corse. E l'opera di Ron Howard con la sceneggiatura di Peter riescono a spiegare ai tifosi di oggi ciò che facevamo allora...».

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE