questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Romanzo di una strage

Locandina del film Romanzo di una strage
TRAILER Fermo immagine del trailer
Romanzo di una strage
(Romanzo di una strage, 2011, Italia)

Rilettura di uno dei più sanguinosi atti terroristici della storia italiana, la strage avvenuta il 12 dicembre 1969 in una banca di Milano, a Piazza Fontana.


Marco Tullio Giordana, regista di La meglio gioventù, Pasolini Un delitto italiano ed I cento passi, ritorna al cinema  di impegno civile. Scritto dal regista con Stefano Rulli e Sandro Petraglia, il film illustra in modo neutro ma con grande rigore, la vicenda dell'attentato terroristico di Piazza Fontana, inquadrandolo nella stagione stragista che ha scosso profondamente il paese in quegli anni di crescita delle sinistre. Giuseppe Pinelli e Luigi Calabresi sono interpretati da Pierfrancesco Favino e Valerio Mastandrea, mentre Michela Cescon e Laura Chiatti interpretano le rispettive mogli. "La strage di piazza Fontana è stata un po' il nostro 11 settembre" ha commentato Favino.


"Il 12 dicembre 1969, alle ore 16,37 p.m. una esplosione al n° 4 di piazza Fontana - nel pieno centro di Milano, a pochi passi dal Duomo - devastò la sede della Banca Nazionale dell’Agricoltura, provocando 17 vittime ed oltre una novantina di feriti. “Una caldaia” fu la prima sbigottita spiegazione. Ma ai soccorritori che cercavano di farsi largo fra le macerie a soccorrere i superstiti orrendamente dilaniati fu subito chiaro che nessuna caldaia avrebbe mai potuto provocare un disastro del genere. Si trattava invece del primo episodio di quella che si sarebbe chiamata in seguito “strategia della tensione”, l’inizio di uno dei periodi più turbolenti e luttuosi nella storia della Repubblica italiana. Le indagini furono impostate in un’unica direzione. Per la Questura milanese - diretta da Marcello Guida, i responsabili andavano cercati fra gli anarchici, già autori nei mesi precedenti di una lunga serie di attentati dimostrativi . Fu rapidamente trovato il “colpevole” perfetto: Pietro Valpreda, ballerino senza scrittura, considerato elemento instabile ed esaltato. Nel paese, l’enormità dell’accaduto scatenò una violenta controffensiva. La mattina del 15 dicembre, giorno dei funerali delle vittime, chi contava sulla paura e sull’indifferenza della popolazione, o peggio su reazioni esagitate, fu smentito dalla presenza spontanea di più di un milione di persone, cittadini decisi a contrastare qualsiasi colpo di mano. Anni dopo, si scoprirà che furono proprio i funerali a stroncare sul nascere il tentativo di golpe organizzato dal Principe Junio Valerio Borghese, scoraggiando i suoi protettori in alto loco. La sera del 15 dicembre, durante un interrogatorio che si protraeva ormai da tre giorni, precipitava dal quarto piano della Questura, l’anarchico Giuseppe Pinelli, precipitato dall’ufficio di un brillante funzionario di polizia, il giovane commissario Luigi Calabresi. Pur non essendo presente nella stanza, il suo nome resterà associato alla morte di Pinelli, all’ambiguità delle versioni date, all’atroce sospetto di violenze e torture. Contro di lui iniziò una campagna diffamatoria che lo indicava come il vero responsabile della morte dell'uomo. Tutto questo mentre Calabresi andava convincendosi dell’unilateralità delle indagini e senza dirlo ai superiori, iniziò a indagare per proprio conto, fino a scoprire un traffico di armi ed esplosivi NATO dalla Germania all’Italia, allo scopo di rifornire i movimenti ustascia croati e le cellule eversive neo-naziste italiane. Il 15 maggio 1972 il commissario Calabresi veniva assassinato sotto casa da un commando misterioso, l’azione non sarà mai rivendicata (...)

Questo era il quadro dell’Italia di quarant’anni fa, un paese che stava per affrontare importanti riforme trovando continui ostacoli sul suo cammino. Qualche tempo fa alcuni ragazzi, intervistati nel corso di un’inchiesta televisiva, rivelavano nelle loro ingenue risposte la più assoluta ignoranza riguardo piazza Fontana. La disinformazione su questo capitolo cruciale della storia italiana è totale. Più che da un unico inconfessabile “segreto”, questa disinformazione sembra al contrario nascere da una massa sterminata di dati che finiscono per confondersi e cancellarsi a vicenda. Nel tempo la letteratura sull’argomento si è smisuratamente arricchita, ha continuato ad aggiungere tasselli al mosaico riuscendo a illuminare anche gli aspetti più oscuri di questa vicenda, ma al tempo stesso complicando il quadro, rendendone paradossalmente più difficile la sintesi. Credo però che un film - sia pure attraverso le sue inevitabili necessarie semplificazioni – possa aiutare la ricostruzione di un avvenimento così controverso e fissarlo nella memoria dello spettatore.

Marco Tullio Giordana

 

 

 

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE