questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Robin Hood

Locandina del film Robin Hood
TRAILER Fermo immagine del trailer
Robin Hood
(Robin Hood, 2010, Stati Uniti)

Un bandito oppure un eroe? La celebre coppia Ridley Scott - Russell Crowe rilegge in formato blockbuster uno dei miti più cinematografici della storia britannica, ed il gladiatore con arco e frecce che sfida il suo sovrano fa subito centro, ottenendo l'apertura del Festival di Cannes.

 

Arciere al servizio di Sua Maestà Riccardo I, alla morte di quest'ultimo Robin di Locksley torna  in Inghilterra trovando il paese sull'orlo della carestia a causa delle tasse elevatissime imposte dal nuovo sovrano. Rientrato a Nottingham, si innamora di Marion (Blanchett), una vedova piuttosto scettica sulle motivazioni di questo ex crociato, che sta reclutando una banda di fuorilegge per combattere lo sceriffo tiranno ed il nuovo sovrano. Con l’Inghilterra indebolita da decenni di guerre ed asfissiata dal pessimo governo del nuovo Re Giovanni e dei suoi prezzolari servitori, Robin e i suoi uomini lottano per difendere la gente stremata dai soprusi.

 

Nei panni del ‘principe dei ladri’, già interpretato sul grande schermo da Sean Connery, Errol Flynn e Kevin Costner, Scott ha chiamato ancora una volta Russel Crowe. Un legame particolare quello che unisce il regista di Blade Runner e l’attore australiano, nato dieci anni fa con Il Gladiatore e rinverdito sui set di Un'ottima annata, American gangster e Nessuna verità. Ridley Scott torna per la terza volta a Cannes (I Duellanti e Thelma e Louise) con una storia dal sapore quasi anarchico: "In un periodo in cui il popolo moriva d'inedia nella più totale indifferenza dei regnanti, le autorità erano il nemico, e l'uomo qualunque che sarebbe venuto a combatterle era Robin Hood". Appassionato di storia antica, il suo thriller in costume, Le crociate - Kingdom of Heaven, era ambientato più o meno nello stesso periodo, Scott ci ha ricordato la sua passione per i film storici. "Ho cominciato con I duellanti, poi sono passato alla storia romana e adesso sono tornato di nuovo al Medioevo." "Amo lavorare con Crowe - ha proseguito il regista -, ma sono orgoglioso di tutto il cast, a cominciare da Willliam Hurt che è un infido William Marshall, a Matthew Macfayden che fa lo Sceriffo di Nottingham, da Danny Huston ovvero un magnifico Re Riccardo, alla brava Léa Seydux, la Principessa Isabella”. “E la storia – continua Crowe – è anche la mia passione. Robin Hood è un personaggio emblematico, che nel mondo di oggi – volgarmente globalizzato da piccole e spesso squallide leggende metropolitane – non potrebbero esistere né tantomeno esercitare un’influenza sull’immaginazione popolare. E’ un film che ho fortemente voluto, perseguendolo con diverse riscritture del copione ed allontanandolo il più possibile dalle pellicole del passato”.

Con il nostro film - conclude il produttore del film Brian Grazer - spieghiamo chi siano lo Sceriffo di Nottingham, Marion e suo suocero, quali siano le dinamiche tra i baroni della parte nord dell'Inghilterra, e come all'epoca essa venisse controllata. Alla fine del film si capisce anche chi sia Robin. La fine del nostro film è l'inizio di tutte gli altri film realizzati finora su questo leggendario personaggio”.

 

 

 

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE