questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Oltre le regole - The Messenger

Locandina del film Oltre le regole - The Messenger
TRAILER Fermo immagine del trailer
Oltre le regole - The Messenger
(The Messenger, 2009, Usa)

Il Sergente Will Montgomery e il Capitano Tony Stone (Ben Foster e Woody Harrelson) sono due militari con l'ingrato compito di notificare le vittime di guerra alle loro famiglie. Il forte legame che si è creato tra loro entrerà in crisi quando uno dei due si innamora di una giovane vedova (Samantha Morton), sollevando un dubbio etico destinato a risolversi in maniera imprevedibile.

Oltre le regole - The Messenger è una storia senza tempo che affronta temi universali come la redenzione, la speranza e la resistenza dello spirito umano. Diretto da Oren Moverman, il film segue due ufficiali (Ben Foster e Woody Harrelson) impegnati nell’inevitabile compito di notificare ai parenti la scomparsa dei figli in uniforme. Tra i due uomini si forma uno strano legame, di solidarietà e competizione, destinato ad entrare in crisi a causa di una donna. Il film è una storia profondamente commovente sui modi complessi ed inattesi con i quali le persone riescono a darsi forza reciprocamente, con umorismo, compassione ed empatia.

 

Su  come è nato The Messenger il regista ha dichiarato: “Alessandro Camon è il responsabile dell’idea, nata alcuni anni fa. E’ un produttore, sceneggiatore ed amico, in una parola il partner professionale ideale. Suggerì di scrivere una sceneggiatura sugli ufficiali dell’esercito incaricati di notificare le vittime di guerra (Casualty Notification Officers) perché nessuno aveva ancora osservato la guerra da quel punto di vista, focalizzando l’attenzione su chi porta le conseguenze della guerra dentro alle famiglie, cioè nelle case che pagano un prezzo diretto, intimo ed eterno rispetto alla decisione di fare le guerre. E’ un compito impossibile, orribile ma necessario quanto reale e bisogna prenderne atto. L’idea mi intrigava anche come modo personale benché indiretto di gestire i miei demoni del servizio militare. Una volta sviluppato una bozza di progetto, Alessandro ed io l’abbiamo mostrato in giro. Lawrence Inglee ci ha risposto subito e l’ha portato a Mark Gordon. Lawrence che ha poi proposto il film alla Reason Pictures ed immediatamente abbiamo trovato una solida squadra con cui iniziare a lavorare al progetto, partendo dalla stesura della sceneggiatura”. 

 

Mentre per quanto riguarda gli attori Oren Moverman, che è al suo primo lungometraggio si è definito particolarmente fortunato: Ben Foster mi ha conquistato in Quel treno per Yuma. E’ incredibilmente carismatico e profondo e molto “caldo”, anche quando interpreta il nemico. Ma soprattutto è l’unico tra i pochi attori della sua generazione che non cerca di rimanere un ragazzo nel corpo di un uomo. Abbiamo offerto il ruolo del Colonnello Stuart Dorsett, che era maggiore nella sceneggiatura, a Woody Harrelson il quale ha gradito il copione. L’abbiamo incontrato ma a quel punto lui mi ha comunicato che avevo fatto un errore. E cioè che lui doveva interpretare il secondo protagonista, Tony. E dicendomelo, mi ha fissato con quel genere di sguardo che sottintende, “lo sai che sono quello giusto”. Infatti lo era ed è stato immediato. Woody è conosciuto per le sue capacità da commediante ma anche per alcuni ruoli intensi in film come Assassini Nati (Natural Born Killers). Ma qui aveva una parte che richiedeva di essere all’inizio un militare di professione con le sue psicosi e rigidità e alla fine un uomo emotivo che ha bisogno di trovare un amico nel collega Will. Woody ha capito istintivamente come affrontare il percorso di questo personaggio e io ho dovuto solo seguirlo. Samantha Morton la conoscevo dai giorni di Jesus’ Son. E’ un’attrice con cui ho sempre voluto lavorare e quando ha risposto positivamente alla sceneggiatura è stato come una riunione in famiglia”.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE