questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Nowhere Boy

Locandina del film Nowhere Boy
TRAILER Fermo immagine del trailer
Nowhere Boy
(Nowhere Boy, 2009, Canada, Gran Bretagna)

Now-Here Boy o No-Where Boy, come dire, un ragazzo: Qui ed Ora o da Nessuna parte? Un titolo che riassume perfettamente l’infanzia e l’adolescenza, decisamente difficili, di uno dei più grandi miti del secolo scorso: John Lennon. Questa non è la storia dei Beatles, anche se Paul e George ci sono, ma di un ragazzo di Liverpool, cresciuto senza madre, che è, a tutt’oggi, un punto di riferimento per milioni di persone in tutto il mondo.

La vita di John Lennon prima che diventasse leggenda. Sullo sfondo della Liverpool del 1955 scorrono tutti i luoghi che sono in seguito diventati gloriosi: Strawberry Field, Penny Lane, ed ecco John (Aaron Johnson) allevato dagli zii, Mimi (Kristin Scott Thomas) e George (David Threlfall), che si sono presi cura di lui. Ma lui vuole riallacciare i rapporti con la squinternata Julia (Anne-Marie Duff), che è pur sempre sua madre. Con lei impara a suonare la chitarra e con i Quarrymen si esibisce nelle feste parrocchiali perché nel frattempo ha conosciuto Paul (Thomas Brodie Sangster) e George (Sam Bell). Quando Julia muore in un incidente il rapporto con Paul, anche lui orfano di madre, diventa intensissimo. Il resto è storia.

Nowhere Boy è stato diretto da Sam Taylor-Wood, nota artista concettuale che lavora nel campo della fotografia e del cinema, membro del movimento Young British Artists. La sceneggiatura è tratta dal libro di Julia Baird, sorellastra di Lennon, nel quale ne ha raccontato l’infanzia. La Wood è riuscita a restituire l’intensità emotiva, il dolore, la mancanza che hanno marchiato la crescita di Lennon senza l’uso di musiche dei Beatles. Fatta eccezione di A Hard Day's Night e di Mother, concessa da una entusiasta del film, Yoko Ono. Tenete d’occhio Aaron Johnson che interpreta magnificamente la star e lo diventerà anche lui a sua volta. Come ha scritto il critico americano Roger Ebert, che ha amato molto la pellicola: “Quello che alla fine impariamo da questo primo stralcio di vita di Lennon è che noi arriviamo alla possibilità di pensare che se Julia ci fosse sempre stata per il figlio, lui non ci sarebbe stato per noi. Questo ci fa riflettere anche sul fatto che se: tutto quello di cui abbiamo bisogno è amore, questo non è sempre quello che ottieni”.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE