questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Treno di Notte per Lisbona

Locandina del film Treno di Notte per Lisbona
TRAILER Fermo immagine del trailer
Treno di Notte per Lisbona
(Night Train to Lisbon, 2013, Germania, Svizzera, Portogallo)

Bille August, il regista due volte Palma d'oro a Cannes (Pelle alla conquista del mondo, 1988; Con le migliori intenzioni, 1992) torna a girare a Lisbona e per la seconda volta con Irons dopo La casa degli spiriti (1993).

Raymund Gregorius (Irons) è professore di latino a Berna, dove conduce una vita monotona, finché non salva una giovane donna dal suicidio. Quando più tardi la ragazza sparisce, lui trova nel soprabito della ragazza un biglietto del treno per Lisbona e un libro di Amadeu Prado, un medico portoghese rivoluzionario e filosofo. Recatosi alla stazione prima della partenza del treno, non c'è traccia della ragazza, ma Raymund decide che sarò lui a partire. Arrivato a Lisbona è impaziente di conoscere lo scrittore le cui parole lo hanno toccato cosí profondamente. Ma Amadeu è morto da tempo e Raymund decide di cercare i suoi parenti e i suoi colleghi. Come un detective mette insieme i tasselli della vita dello scrittore, tra amicizia, relazioni familiari, oppressione, voglia di rivoluzione, lealtà e tradimento,  sullo sfondo del brutale regime fascista di Salazar dei primi anni ’70.  

Tratto dal bestseller omonimo di Pascal Mercier, è un thriller psicologico con cast all star europeo: da Jeremy Irons a Melanie Luarent, da Martina Gedeck a Bruno Ganz e Lena Olin, passando per Charlotte Rampling e Christopher Lee.

“Treno di notte per Lisbona è un eccezionale thriller psicologico. Parla di un viaggio, ma per quel che mi riguarda è principalmente il viaggio di un uomo, che non si aspetta ormai molto dalla vita e che per caso viene proiettato in una nuova realtà dove scopre un nuovo significato nella vita e una nuova speranza per il futuro....  L’assurdità della condizione umana - essere in grado di esprimere una verità così genuina, ma non essere in grado di viverla - mi ha sempre affascinato. Non sto giudicando, lo comprendo. Cerco di far affrontare al pubblico questa discrepanza della natura umana senza lasciarlo solo nel trattare la tragedia che in essa risiede. Spero che anche loro riescano a trovare una strada per cambiare le loro vite in meglio.” Bille August

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE