questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Mozzarella Stories

Locandina del film Mozzarella Stories
TRAILER Fermo immagine del trailer
Mozzarella Stories
(Mozzarella Stories, 2011, Italia)

Una Commedia Noir a base di caglio, country campano, canzoni neomelodiche, bufale, camorra casertana e imprenditoria cinese...

 

Nel regno delle mozzarelle, Ciccio DOP (Gianpaolo Fabrizio) è il signore assoluto di un candido impero in cui lui è il ‘casaro’, ovvero il produttore di formaggio più importante. Dopo anni di dominio incontrastato, Ciccio DOP si trova ad affrontare una crisi senza precedenti che lo vede precipitare in una guerra di mercato contro dei misteriosi imprenditori cinesi. Questi ultimi hanno, infatti, invaso improvvisamente supermercati e ristoranti con una mozzarella di ottima qualità, di sapore eccellente e, soprattutto, a metà prezzo… Di fronte al rischio concreto di finire rovinato, la reazione di Ciccio DOP scatena una serie di eventi con cui dovranno fare i conti in prima persona sua figlia Sofia (Luisa Ranieri), una donna affascinante e carismatica; il cantante confidenziale Angelo Tatangelo (Massimiliano Gallo), nonché la sua vecchia partner e amore mai dimenticato Autilia “Jazz – Mood” (Aida Turturro) e l'ex campione di pallanuoto  Dudo (Massimiliano Rossi). All’orizzonte si stagliano le complicate pretese dell’inquietante Mastu Pascale, la violenza letale di Gravinio (Tony Laudadio) e la follia melodrammatica di Gigino a' Purpetta (Giovanni Esposito). Nel momento più difficile, però, il lucido Ragioniere (Andrea Renzi) offrirà una serie di ottimi consigli, mentre un’enigmatica quanto saggia massaggiatrice cinese mostrerà a Sofia la strada per riuscire a creare qualcosa dal nulla e arrivare laddove nessuna donna era mai riuscita prima di lei.

 

Debutto nel lungometraggio di Edoardo De Angelis che ha realizzato questa sua davvero particolare, opera prima, circondato da tutte maestranze che sono stati i suoi amici del Centro Sperimentale di Cinematografia dove si è diplomato qualche anno fa. Personaggi eccessivi, uno stile sopra le righe, una trama che mette insieme realtà forti: l'imprenditoria provinciale campana, la musica napoletana, bufale e mozzarelle. E la criminalità, naturalmente. Nelle specie la camorra e la mafia cinese. "Ma la storia non è incentrata sulla camorra. – ha precisato il regista - La tocca solo in parte". "Mi appassionava l'idea di poter raccontare la città dove sono cresciuto. – ha spiegato de Angelis - Caserta è un luogo che pullula di personaggi che sono stati spesso ad un passo dal successo, dal diventare grandi, senza poi riuscirci. Ho voluto dar loro, con questa storia, un'altra possibilità. Questa condizione è un po' il destino comune dei vari personaggi. Emblematico è quello interpretato da Massimiliano Gallo: un cantante fallito che decide di riprendere in mano la sua vita". E proprio la musica sembra essere uno degli elementi di forza dell'opera, al punto da renderlo quasi un musical. "La colonna sonora è per lo più originale. - sottolinea il regista - Come ho fatto anche per i miei corti, ho lavorato con Riccardo Ceres, un giovane musicista di Caserta. Ci sono sonorità melodiche, ma non solo". Il film ha un padrino di tutto rispetto. La pellicola è infatti prodotta dalla Rasta International, la casa di produzione di Emir Kusturica.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE