questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

La fuga di Martha

Locandina del film La fuga di Martha
TRAILER Fermo immagine del trailer
La fuga di Martha
(Martha Marcy May Marlene, 2011, USA)

Scomparsa da due anni, la ventenne Martha viene accolta dalla sorella, che nel frattempo si è sposata con un architetto inglese. Martha è una donna fragilissima, che è scappata da una setta religiosa guidata da un uomo fanatico e violento. La donna cerca di tornare alla normalità, ma i ricordi e la paura avranno la meglio. Premio per la Miglior Regia al Sundance 2011.

Dopo essere fuggita da una setta e dal suo leader carismatico (John Hawkes), Martha (Elizabeth Olsen) tenta di ritrovare una vita normale cercando rifugio dalla sorella maggiore Lucy (Sarah Paulson) e suo cognato (Hugh Dancy), ai quali però ha paura di raccontare la verità sul suo passato e il segreto che circonda la sua lunga sparizione. Ma il pensiero che la setta sia alla sua ricerca non la abbandona mai. I ricordi che la perseguitano si trasformano poco a poco in una vera paranoia. Realtà e illusione si confondono.

 

“In sostanza si tratta di una storia sull'identità. – ha affermato il regista - Nella fattoria parlano sempre di 'trovare il proprio ruolo nella famiglia,' che credo sia una parte basilare della natura umana. Noi tutti vogliamo appartenere, essere parte di qualcosa, sentire che contribuiamo in qualche modo al gruppo. Non importa chi tu sia, ciascuno incarna ruoli e personaggi lievemente differenti per le diverse parti della propria vita. Martha, come molte persone, non è più certa di chi o cosa sia, ma la sua è una situazione estrema”.

Quando ho visto Elizabeth ho intuito che lì c'era tutto”. ricorda il regista Sean Durkin. “Potevo vederla camminare su una strada, raccogliere una pietra e frantumare un finestra -come una che può portarsi appresso questa rabbia ribollente ma ha anche la forza di farla volar via.”

La Olsen, per parte sua, ha trovato la storia avvincente e credibile, e immediatamente sentì di potere intuire tutto quel che si muoveva sotto la pelle di Martha, con lo strano passato che stilla nel suo presente. “È stata la prima sceneggiatura a rendermi realmente eccitata appena l’ho letta”, ha detto la giovane attrice. “Era qualcosa di molto diverso e potevo vedere molto chiaramente il personaggio. Ho capito la sua psiche e, in un certo verso bizzarro, Martha mi è veramente piaciuta”.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE