questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

L’intrepido

Locandina del film L’intrepido
TRAILER Fermo immagine del trailer
L’intrepido
(L'intrepido, Italia)

Un ritratto dell'Italia disastrata di oggi attraverso la storia di un disoccupato pronto a mille mestieri, che passa da muratore a cameriere, da venditore ambulante a uomo delle pulizie pur di sopravvivere.

Il protagonista di questo “racconto dai toni leggeri” che mira a restituirci “l’aria del nostro tempo con un tocco di fantasia” è Antonio Albanese, per il quale il film è stato scritto.  “Un film per e su di lui, che è per me uno dei più straordinari attori che abbiamo“, racconta il regista Gianni Amelio, che non svela nulla della trama. “Una commedia con un cuore tragico e un personaggio tenero e disarmato“. Amelio infine aggiunge: "Antonio Albanese è uno dei più straordinari attori che abbiamo in Italia, l’intrepido è un personaggio pensato per lui, una storia scritta sulle sue qualità che definirei chapliniane, capaci di far convivere il sorriso con la commozione più struggente. Penso a questo film come a qualcosa di completamente nuovo per me che non mi sono mai cimentato con la commedia. Un racconto dai toni leggeri che ci restituisca l’aria del nostro tempo con un tocco di fantasia’’.

Una grande responsabilità per l'attore brianzolo, reduce dai successi delle sue maschere, Cetto la Qualunque, Rodolfo etc. di Qualunquemente e Tutto Tutto Niente Niente. Chiamato adesso a volare più alto da uno dei registi più raffinati del  nostro paese (che ha lasciato anche la Direzione del Festival di Torino, per tornare a fare il regista a tempo pieno. E' lui L'intrepido del titolo, nei panni di Antonio Pane, un disoccupato che in mancanza di un vero lavoro si adatta a fare un po' di tutto, compreso il sostituire per poche ore chi un mestiere vero ce l'ha ancora. A seconda del bisogno, l'uomo si trasforma così in muratore, cameriere, autista di tram, uomo delle pulizie, ambulante...

Cavalcando  l'attualità italiana, di un Paese allo sbando, senza lavoro e in crisi perenne, Amelio prova così a raccontare la sua visione dell'Italia di oggi, da Milano, la città più ricca del paese. Il film è stato selezionato, in concorso, dal festival di Venezia dove nel 1998, Amelio vinse il Leone d'Oro con il film Così ridevano. Da allora nessun altro regista italiano è riuscito nell'impresa. 

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE