questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Il Cecchino

Locandina del film Il Cecchino
TRAILER Fermo immagine del trailer
Il Cecchino
(Le Guetteur, 2012, Francia/Italia)

A tre anni di distanza da Vallanzasca – Gli angeli del male, Michele Placido torna in sala con una coproduzione italo-francese, un film di genere che vede nel cast due punte di diamante del cinema d’oltralpe, Daniel Auteuil e Mathieu Kassovitz, insieme ai nostri Luca Argentero e Violante Placido.

Il Capitano Mattei sta per arrestare una famigerata banda di rapinatori di banche, quando un cecchino appostato sul tetto di un edificio spara contro i poliziotti, per permettere ai suoi complici di fuggire. Uno di loro però rimane ferito, scombinando i piani dell’intera banda, costretta a rifugiarsi presso lo studio di un medico corrotto e rimandando in questo modo la spartizione della refurtiva. Mattei inizia così un’accurata caccia all’uomo, mentre per i criminali, innervositi dal letale contrattempo, inizia una lenta discesa all’inferno…

"Romanzo criminale" ha fatto scuola anche in Francia, la patria del polar, e gli sceneggiatori Cedric Melon e Denis Brusseaux, colpiti proprio dalla visione del film sulle vicende della Banda della Magliana, hanno chiesto proprio a Placido di dirigere la loro storia, un polar in piena regola, mettendogli a disposizione due attori feticcio del genere come Daniel Auteuil e Mathieu Kassovitz. 

Nel cast del film, girato interamente a Parigi, anche due attori italiani, Violante Placido e Luca Argentero, già diretto da Placido ne Il grande sogno. Entusiasmo anche da parte dei due attori francesi: “Ciò che mi piace di Michele è la sua libertà nei confronti della tecnica e della scelta del soggetto, e questa è una caratteristica comune ai registi che sono anche attori – racconta Auteuil – il mio personaggio è una sorta di Arlecchino, o un personaggio di Moliere, sul filo del rasoio fra il personaggio di poliziotto grintoso e quello di padre alla deriva”. “Sarebbe bello che questo film rappresentasse una sorta di apertura del cinema italiano verso l’esterno –dice Placido - io stesso ho già diversi progetti in cantiere che mi piacerebbe proporre ad alcuni produttori francesi”.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE