questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

L’acchiappadenti

Locandina del film L’acchiappadenti
TRAILER Fermo immagine del trailer
L’acchiappadenti
(Tooth Fairy, 2010, Usa/Canada)

Derek Thompson, conosciuto anche col nome The Tooth Fairy (la Fatina dei Denti), è un giocatore dal gioco duro della lega minore di hockey il cui soprannome viene dalla sua abitudine di separare i giocatori avversari dai loro premolari. Quando Derek scoraggia le speranze di un giovane viene condannato a lavorare per una settimana come una vera fatina dei denti, completo di tutù, ali e bacchetta magica. All'inizio Derek non riesce a gestire la situazione mentre cerca di volare furtivamente nelle case di estranei... per fare quello che fanno le fatine. Ma Derek lentamente si adatta alla sua nuova posizione e comincia a scoprire i suoi sogni perduti.

 

La Fatina dei denti è una creatura fantastica. Molti genitori raccontano ai propri figli, ancora piccoli, dell'esistenza di questa fatina. Se il bambino, quando perde un dente, lo nasconde sotto il cuscino, il mattino dopo, al suo risveglio, troverà al suo posto un soldino. Nel film L’acchiappadenti questo ruolo è affidato all’ex- campione di wrestler e ora attore Dwayne Douglas Johnson, conosciuto come The Rock. Uno sportivo, un uomo dal fisico possente e dalla grande forza che, in realtà, si è aggiudicato questo soprannome di ‘acchiappadenti’ per i denti che ha fatto saltare agli avversari durante le partite di Hockey. Ma quando un giorno distruggerà il sogno di un ragazzo - che vuole seguire le sue orme - facendogli capire che non deve credere nelle fantasie, verrà severamente punito. Sarà la Regina delle Fate, impersonata da una splendida Julie Andrews, ad imporgli di passare una settimana nelle vesti (con tanto di tutù rosa e bacchetta magica) di Fatina dei Denti, ricordando a tutti i piccini che la magia esiste e che devono credere e non mollare mai i loro sogni.

 

“Quando ho incontrato Julie Andrews – ha confessato Johnsonero veramente imbarazzato. Per me lei è un mito da sempre, sono cresciuto con i suoi film. Ma il destino ha voluto che sul set ci incontrassimo la prima volta proprio quando io indossavo il tutù rosa con una scollatura improponibile e inguardabile e la bacchetta in mano. Nonostante tutto ciò le ho detto che era un immenso onore lavorare con lei. E, Julie, in tutta tranquillità mi ha risposto: “Anche per me tesoro!”.

Stampa in PDF
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE