questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

La prima cosa bella

Locandina del film La prima cosa bella
TRAILER Fermo immagine del trailer
La prima cosa bella
(La prima cosa bella, 2009, Italia)

Paolo Virzì torna nella sua amata e odiata Livorno per raccontarci una storia familiare con al centro una memorabile figura femminile, una mamma dalla contagiosa e incosciente vitalità, che nemmeno l'ipocrisia della provincia degli anni settanta riesce a fermare.

 

Tutto comincia nell’estate del 1971, quando assistendo alla tradizionale elezione delle Miss dello stabilimento balneare più popolare di Livorno, Anna viene inaspettatamente chiamata sul palco ed incoronata “la mamma più bella”. Da allora, nella famiglia Michelucci, arriva lo scompiglio e per Anna, cacciata di casa dal babbo accecato dalla gelosia, per il piccolo Bruno, ferito dalla vergogna, e per la sorella Valeria (Pandolfi), inizia un’avventura tragicomica, con la mamma dall'incrollabile vitalità in un ambiente meschino e pettegolo. Da allora Bruno ha tagliato i ponti con la sua città, la sua famiglia, il suo passato. Ma dopo tanti anni la sorella Valeria lo convince a tornare a Livorno, per salutare la madre, malata terminale, per l'ultima volta. L'incontro, dopo tanti anni, con quella mamma ancora vivacissima, a dispetto delle prognosi mediche, costringe Bruno a rievocare le vicende familiari che aveva cercato a tutti i costi di dimenticare.

 

A 13 anni da Ovosodo il regista ritorna nella sua città natale con una storia scritta insieme a Francesco Bruni e Francesco Piccolo, che parla di un ragazzo, Bruno, una persona disincantata e un po’ anaffettiva, che impara con il tempo a volere bene, ad amare, una madre da lui così diversa: solare, estroversa, per alcuni suoi concittadini ‘frivola’. Una commedia piena di humour, divertimento ma che descrive anche quel panorama umano, soprattutto maschile, della provincia più becera. La vicenda si sviluppa in due periodi distinti, gli anni settanta, in cui Anna è interpretata da Micaela Ramazzotti, e Bruno dal piccolo Francesco Rapalino e l'oggi, dove Bruno è interpretato da Valerio Mastandrea ed Amma da Stefania Sandrelli. Ultima nota a proposito delle due attrici, il regista ha detto: “considero la Sandrelli un’icona di talento naturale, femminilità e ironia, la quintessenza del cinema italiano. Michela (moglie di Virzì. e che presto lo renderà padre) non l’ho scelta per una somiglianza fisica ma in quanto hanno in comune un candore: quella speciale capacità di essere buffe e sexy nello stesso momento”.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE