questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Il primo uomo

Locandina del film Il primo uomo
TRAILER Fermo immagine del trailer
Il primo uomo
(Le Premier Homme, 2011, Francia, Italia)

Adattamento dall'opera postuma di Albert Camus, è la storia di Jacques Cormery, alter-ego di Camus, che negli anni ‘50 fa ritorno in Algeria, paese dove è nato, ma dove  viene considerato come uno straniero dagli algerini, in lotta per l'indipendenza, in quanto francese.

 

Tra i rottami dell’auto sulla quale Albert Camus trovò la morte il 4 gennaio 1960, fu rinvenuto un manoscritto con correzioni, varianti e cancellature: la stesura originaria e incompiuta de Il primo uomo, sulla quale la figlia Catherine, dopo un meticoloso lavoro filologico, ricostruì il testo pubblicato nel 1994. Una narrazione forte, commovente e autobiografica, che molto ci dice del suo autore, della sua formazione e del suo pensiero. Attraverso le impressioni e le emozioni del protagonista che torna in Algeria per incontrare chi l’aveva conosciuto, Camus ripercorre parte della propria vita: l’infanzia povera, le amicizie, le tradizioni, i sogni, dai quali emerge la figura di un uomo ideale, quel “primo uomo” che forse potrebbe essere in ciascuno di noi.

 

“Il titolo - ha dichiarato Gianni Amelio - allude ad un ‘primo essere’ che in qualche modo è libero e padrone di se stesso. Un essere umano libero di contrastare quello che la storia ti dà come dono e, talora, come condanna. Spesso, infatti, gli eventi ti obbligano a vivere qualcosa di cui non sei responsabile.""Non ho mai pensare a un confronto, che sarebbe stato impossibile - continua Amelio - il regista deve considerare il libro a cui si ispira uno stimolo e non un tema da illustrare, ma questa volta era diverso, questo non è un romanzo di finzione bensì un’opera autobiografica. Credo sia un libro politico, cioè urgente e profondo, un libro “necessario” nel momento in cui è stato scritto, e non solo, l’intervento potente di un grande scrittore sulla tragedia del proprio Paese e del proprio tempo, la confessione che sgombra il campo da ogni sospetto di reticenza e di ambiguità rispetto alla guerra di liberazione algerina, di cui Camus ha faticato a liberarsi. Io ho voluto che diventasse anche la mia storia non per presunzione ma per umiltà. Ho fatto questo film per un atto d’amore".

 

 

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE