questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Il sole dentro

Locandina del film Il sole dentro
TRAILER Fermo immagine del trailer
Il sole dentro
(Il sole dentro, 2011, Italia)

E’ la storia di un lungo viaggio, quello di Yaguine e Fodè, due adolescenti guineani che hanno scritto a nome di tutti i bambini e i ragazzi africani una lettera “Alle loro Eccellenze i membri e responsabili dell’Europa“, per chiedere

un aiuto per avere scuole, cibo, cure, “. Con la lettera in tasca Yaguine e Fodè si nascondono nel vano del carrello di un aereo diretto a Bruxelles ed inizia così il loro viaggio della speranza che si incrocia con il racconto di un altro viaggio, questa volta dall’Europa all’Africa, avvenuto dieci anni dopo, fatto da altri due adolescenti ed un pallone.

Thabo che ha tredici anni, portato in Italia da uno sperduto villaggio africano in cerca di fortuna calcistica, vuole tornare al suo paese. Lo accompagna il suo amico Rocco, quattordici anni, di Bari. Anche lui in fuga dal Nord Italia.

Tutti e due i ragazzi sono vittime del mercato di bambini calciatori, sorta di mercato della carne, dal quale sono fuggiti. Fuggiti da un mondo all’apparenza dorato ma al quale loro sentono fortissimamente di preferire il ritorno. A piedi, giocando con un pallone loro unico compagno di viaggio, Thabo e Rocco attraversano l’Africa, percorrendo in senso opposto uno dei tanti “sentieri delle scarpe” tracciati in anni da migliaia di uomini, donne, bambini, in fuga dalle carestie, dalle guerre, dal lento spegnersi della dignità della vita di un intero continente.

Quando l’airbus 300 della Sabena conclude il suo lungo volo atterrando a Bruxelles, un tecnico scopre abbracciati i corpi assiderati di Yaguine e Fodè, nelle loro tasche la lettera indirizzata “ Alle loro Eccellenze…”. Anche il lungo viaggio di Thabo e Rocco si conclude con l’arrivo a N’Dola, un piccolo villaggio dell’Africa equatoriale, dove in un campo di calcio dedicato a Yaguine e Fodè, in una partita giocata al ritmo dei tamburi, tutti, cento contro cento, festeggiano il ritorno di un piccolo campione: uno di loro.

 

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE