questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

The Green Hornet

Locandina del film The Green Hornet
TRAILER Fermo immagine del trailer
The Green Hornet
(The Green Hornet, 2011, Usa)

Non può essere un supereoe, perché pur di combattere il crimine è disposto ad infrangere ogni regola. Ma ci va molto vicino. E' un giovane e ricco editore che dietro una maschera irriconoscibile combatte duramente i cattivi con l'aiuto del suo autista-maestro di arti marziali.

 

Britt Reid (Rogen), è il figlio del più importante e rispettato magnate dei media di Los Angeles, ed è impegnato a condurre la propria esistenza senza scopi, all’insegna del divertimento, fin quando suo padre (Wilkinson) muore misteriosamente, lasciandogli in eredità tutto il suo impero economico. Stringendo un’improbabile amicizia con uno dei più laboriosi ed inventivi impiegati del padre, Kato (Chou), insieme intravedono la possibilità di fare, per la prima volta nella loro vita, qualcosa di veramente importante: combattere il crimine. Ma per poter fare ciò, entrambi decidono di diventare criminali e per proteggere la legge la infrangono. Britt diviene così The Green Hornet ed insieme a Kato combatte il crimine per le strade. Adoperandosi con la sua ingegnosità e le sue abilità, Kato costruisce un’arma, in stile retrò, ma tecnologicamente molto avanzata, The Black Beauty, una potente macchina indistruttibile. A bordo di una fortezza su quattro ruote, in grado di colpire i cattivi, grazie ai modernissimi equipaggiamenti, The Green Hornet e Kato riescono in breve tempo a farsi una reputazione e con l’aiuto della nuova segretaria di Britt, Lenore Case (Diaz), iniziano a dare la caccia all’uomo che controlla la malavita di Los Angeles: Benjamin Chudnofsky (Waltz). Ma Chudnofsky ha dei piani ben precisi: schiacciare The Green Hornet una volta per tutte.

 

 

Nato negli anni quaranta come serial radiofonico, è diventato celebre grazie al fumetto ed al serial Tv che nel 1960 portò alla ribalta Bruce Lee. Il Calabrone Verde, è indubbiamente un personaggio di spicco nella mitologia americana del primo novecemto. “Questa storia – ha detto Gondryè un mix d'azione e umorismo. Abbiamo cercato di fare le cose in maniera creativa, sia sotto il profilo della recitazione che delle scenografie, oltre che nell'uso della computer grafica e del tridimensionale, usato solo in alcune parti del film, nei flashback e negli split-screen, in cui era utile creare un senso di profondità”.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE