questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Green Zone

Locandina del film Green Zone
TRAILER Fermo immagine del trailer
Green Zone
(Green Zone, 2010, Stati Uniti)

Dopo aver trasformato Matt Damon in un eroe d’azione con la saga di Bourne, il regista Paul Greengrass lo trasporta in missione in Iraq, alla vigilia della guerra, in una caccia 'avvelenata' ai fantomatici depositi di armi di distruzione di massa. 


E’ il 2003, il primo maresciallo Roy Miller (Damon) e la sua squadra di ispettori ricevono dai loro comandanti l‘incarico di rintracciare nel deserto dell‘Iraq i depositi dove si suppone siano custodite armi di distruzione di massa. Passando da un‘insidia all‘altra, in luoghi pieni di trappole esplosive, la ricerca febbrile dei composti chimici mortali da parte degli uomini della squadra si infrange regolarmente in un‘elaborata copertura che sconvolge la loro missione. Depistato dalle operazioni apparentemente convergenti di altri agenti, Miller deve portare avanti il suo compito, muovendosi tra fantomatiche spie dell‘intelligence deviate o corrotte e cercare di scoprire quale organizzazione li manovri nel suolo straniero. L'alternativa è tra il tentativo di risanamento di un regime corrotto e renitente o l‘intensificazione dello stato di guerra in una regione instabile. Scoprirà che tra tutte, l‘arma più potente, ma sicuramente la più difficile da trovare, è la verità.

 

La Green Zone del titolo è il quartiere blindato di 4 miglia quadrate nel centro di Baghdad, dove risiedono gli americani, un'isola felice di relax con alberghi a quattro stelle e piscine, a poche miglia dalle aree del conflitto. Tratto dal best seller di Rajiv Chandrasekaran "Imperial Life in the Emerald City: Inside Iraq's Green Zone", Green Zone è tutt’altro che un film di guerra. E' un thriller a sfondo politico che ricostruisce la piuttosto confusa e disordinata presenza americana in Iraq, con le disfunzionalità dovute ai conflitti più o meno evidenti tra le varie autorità militari, e che bilancia una trama d'azione con i comportamenti criminali di alcuni apparati, generando accese reazioni persino al Pentagono. Alle anteprime, quando il capitano Miller denuncia le bugie, gli inganni la corruzione delle spie dell’Intelligence Service scoppiano gli applausi. “Ho voluto fare questo film - ha detto Damon - perché rilancia interrogativi che ci coinvolgono tutti e che non sono stati chiariti. Miller ha una missione da uomo e soldato leale: trovare le armi di distruzione di massa e salvare vite. Crede in quello che fa ma scopre che le verità non combaciano con quello che gli è stato raccontato e con quello in cui crede l’opinione pubblica”.

 

VOTO
 

BATTUTE DAL FILM

  • "La democrazia non è semplice" Aforisma del "cattivo" Greg Kinnear
  • "Buona guerra, stronzo" Accesa conclusione di una rissa a Baghdad
  • "Non ho risposte facili, posso offrire solo dure scelte" Brendan Gleeson a Matt Damon

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE