questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Fish Tank

Locandina del film Fish Tank
TRAILER Fermo immagine del trailer
Fish Tank
(Fish Tank, 2009, UK)

Gran Bretagna: Mia ha 15 anni, un carattere impetuoso, nessuna amica, una madre coetanea, eccetto per l’anagrafe, una sorellina specializzata in turpiloquio e una grande passione per la danza hip hop. Per lei ogni giorno è uguale all’altro, fin quando in casa arriva Connor, il giovane amante della madre.

 

Andrea Arnold ha iniziato il processo che avrebbe trasformato FISH TANK in film quando è stata colpita da un'unica immagine. «Tutti i miei film sono nati da un'immagine», spiega la Arnold. «Di solito è un'immagine forte che sembra venire dal nulla. Non comprendo subito l'immagine o quello che significa, ma voglio capire di più perciò inizio a pensarci, per cercare di comprenderla. È così che inizio sempre a scrivere». Fin dall'inizio del progetto Arnold si era ripromessa di scegliere quanti più attori non professionisti possibile. L'allora diciassettenne Katie Jarvis, che non aveva esperienze precedenti, è stata scelta per il ruolo di Mia. «Ho sempre cercato qualcuno di così puro, per Mia», dice Arnold. «Volevo qualcuno che mi desse problemi sul serio. Volevo una ragazza che non dovesse recitare, che potesse semplicemente essere sé stessa». Il casting ha richiesto un po' di tempo, prima che Katie fosse “scoperta” sul binario di una stazione. «All'inizio abbiamo percorso le vie più tradizionali, perché Mia doveva avere una passione per la danza», continua Arnold. «Abbiamo visto ragazze da agenzie e scuole di danza. Poi abbiamo iniziato a guardare nell'Essex, in club giovanili, mercati, grandi magazzini, in ogni posto dove si ritrovano le adolescenti. Abbiamo scovato Katie alla stazione di Tilbury Town mentre aveva una discussione con il suo ragazzo. Quando è stata avvicinata non riusciva a credere si trattasse veramente di un film e non voleva lasciare il suo numero di telefono. Aveva un sacco di energia, ma anche una vulnerabilità e un'innocenza che sembravano adatte. Veniva dal posto in cui avremmo fatto le riprese e sembrava molto spontanea». Katie Jarvis ricorda: «Non c'erano molte persone alla prima audizione, perciò non ero nervosa, ma alla seconda mi sono spaventata di più perché c'erano molte più ragazze. Non avevo mai danzato o nulla del genere, e non pensavo di avere una possibilità. Mi hanno chiamato il giorno del mio compleanno e mi hanno detto che la parte era mia. Ho pianto gioia, ero davvero deliziata».

 

Eccezione nel cast il bravissimo Michael Fassebender, attore professionista, che abbiamo recentemente apprezzato in Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino che ha affermato: “Ho accettato di fare il film senza nemmeno avere letto la sceneggiatura e non è una mia abitudine. Di solito mi piace digerire la sceneggiatura e farle mettere radici, per poi poterci giocare quando arriva il giorno delle riprese, ma in questo caso ho cercato di essere più libero e rilassato possibile. Questo è stato il mio obiettivo principale. Andrea Arnold è molto veloce e priva di fronzoli e lavora in qualsiasi condizione capiti quel giorno al fine di nutrire organicamente la sua storia. È in grado di creare un ambiente di lavoro molto confortevole per gli attori. Trovo il suo modo di narrare molto interessante perché rimane nell'area grigia. Si occupa di esseri umani che hanno difetti, che hanno qualità positive e negative, che stanno semplicemente cercando di capire la loro strada nella vita».

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE