questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Fiamme di Gadda. A spasso con l’ingegnere

Locandina del film Fiamme di Gadda. A spasso con l’ingegnere
Fiamme di Gadda. A spasso con l’ingegnere
(Fiamme di Gadda. A spasso con l'ingegnere, Italia)

Nel 40mo anniversario della morte, Istituto Luce Cinecittà rende omaggio a Carlo Emilio Gadda, un gigante della letteratura e della cultura italiana ed europea del ‘900, portando nelle sale italiane dal 21 maggio, giorno della ricorrenza, il film doc di Mario Sesti Fiamme di Gadda. A spasso con l’ingegnere. Prime tappe di questo percorso distributivo, Roma, Milano – ossia i due poli principali della biografia e dell’ispirazione dello scrittore - e Napoli, con prime evento e repliche, cui seguiranno proiezioni e incontri in altre città per tutto il mese di giugno.

Un omaggio in un anniversario significativo, per uno scrittore che come forse nessun altro ha descritto caratteri, costumi, aberrazioni, vitalità, scandali, momenti eroici e meschini dell’Italia contemporanea. E lo ha fatto con uno stile travolgente, che unisce disperazione e forza comica, e una lingua che è una rappresentazione fisica dell’unità e disunità d’Italia: dialetti, lingua colta e popolare, gerghi tecnici e dei più diversi mestieri, imprecazioni e poesia. Le pagine di Gadda sono come un viaggio avventuroso e spettacolare per la geografia fisica e la Storia del Paese.

Così è parso ideale proporre in diverse città d’Italia il film di Mario Sesti, un viaggio nella vita dell’ingegnere letterato, fatto di momenti e contributi diversi: dai testi recitati da Sergio Rubini, alla testimonianza di Fabrizio Gifuni, attore che ha dedicato a Gadda significative messe in scena; il critico e scrittore Maurizio Barletta, che da giovane conobbe Gadda, ci conduce e ricostruisce minuziosamente con videocamera al seguito una passeggiata ideale dello scrittore per le vie di un quartiere romano, raccontandone per la prima volta aneddoti personali, mentre una studiosa come Paola Italia, che ha lavorato sulle carte degli archivi dello scrittore milanese, offre un’interpretazione della sua complessa, e tenacemente segreta, personalità. Videoanimazioni, fotografie e frammenti di un filmino in super8, completamente inediti arricchiscono un racconto vorticoso, filo rosso del quale è la memorabile lettura, da parte di Pino Calabrese, e la rielaborazione filmica, del geniale racconto ‘L’incendio di Via Keplero’, un capolavoro comico e di compassione sociale. Le musiche originali firmate da Teho Teardo accompagnano questo omaggio inventivo, sperimentale, vivace, che ci restituisce con freschezza la figura eccezionale di un classico che continua a essere più che attuale, urgente, e a non farsi superare dal tempo.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE