questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Donne senza uomini

Locandina del film Donne senza uomini
TRAILER Fermo immagine del trailer
Donne senza uomini
(Zanan-e bedun-e mardan, 2009, Germania/Austria/Francia)

La video artista iraniana Shirin Neshat esordisce nella regia cinematografica con una lettura tutta al femminile di un momento cruciale della storia del suo paese che ha contribuito alla successiva rivoluzione islamica e all'Iran che conosciamo oggi.

 

Iran, 1953. Il governo democraticamente eletto guidato da Mohammed Mossadeq viene abbattuto con un colpo di stato che, con la complicità della Cia, riconduce al potere lo Scià Reza Pahlavi. Sullo sfondo tumultuoso del colpo di stato appoggiato dalla CIA, i destini di quattro donne confluiscono in uno splendido giardino di campagna dove trovano indipendenza, conforto e amicizia. Shirin Neshat esordisce nella regia cinematografica filmando in modo elegante e incisivo una penetrante riflessione su un momento cruciale della storia del suo paese che ha condotto direttamente alla rivoluzione islamica e all'Iran che conosciamo oggi. Passato in concorso allo scorso Festival di Venezia la regista Neshat ci ha rivelato: “Non so di preciso perché, ma ho la sensazione che solo dopo l'11 settembre l'opinione pubblica americana abbia sviluppato un'autentica curiosità e un genuino interesse per le culture e la storia islamiche e mediorientali. A quanto mi risulta, in tempi recenti, pochissimi studiosi o mezzi di informazione hanno fatto riferimento al colpo di stato del 1953 organizzato dalla CIA, che è stata direttamente responsabile della formazione della Rivoluzione Islamica. Sono convinta che sarebbe utile rivisitare la storia, in modo da chiarire determinati fatti, da comprendere i motivi profondi all'origine del conflitto tra occidente e mondo mussulmano e da offrire nuove prospettive, studiando per esempio come i mussulmani hanno subito il comportamento criminale di grandi imperi occidentali come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna”.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE