questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Come pietra paziente

Locandina del film Come pietra paziente
TRAILER Fermo immagine del trailer
Come pietra paziente
(The Patience Stone, 2012, Afghanistan/Francia/Germania/UK)

I pensieri ed i sogni di una donna nell'Afghanistan di oggi.

Un uomo giace in coma, gli occhi aperti, fissi nel vuoto. Accanto a lui siede senza lasciarlo  un attimo, la giovane moglie, che ha sposato per procura quando era un militare. Nella piccola e povera casa di Kabul, mentre da fuori irrompono i rumori della guerra,  regna il silenzio. Rotto soltanto dalla voce della donna che man mano prende coraggio e libera le sue parole per confidare al marito quasi sconosciuto e  ritrovato come muto compagno ricordi e segreti inconfessabili. A poco a poco in un fiume liberatorio tutti i suoi pensieri diventano voce: incanta, prega, grida e infine ritrova se stessa. L'uomo privo di conoscenza al suo fianco diventa dunque, suo malgrado, la sua “syngué sabour”, la sua pietra silente al quale raccontare il dolore e i pensieri che una donna in Afghanistan non ha il diritto di esprimere.  

Tratto dal romanzo scritto dallo stesso regista Rahimi: "Quando finii di scrivere Pietra di pazienza, il mio editore spedì il romanzo a varie personalità - spiega il regista - Jean-Claude Carrière (che ha firmato assieme al regista la sceneggiatura) mi telefonò dalla sua casa nel sud della Francia in piena estate e mi disse: “Trovo il tuo romanzo straordinario. Potrebbe diventare un bel film!”. Negli stessi giorni, Jeanne Moreau, che non conoscevo, mi scrisse un’email: “Il suo editore mi ha mandato il suo libro: l'ho adorato e potrebbe diventare un bel film!”. Nel ruolo della protagonista la straordinaria Golshifteh Farahani (Pollo alle prugne), iraniana esiliata in Francia, sulle cui spalle poggia l'intera pellicola.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE