questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Come ammazzare il capo 2

Locandina del film Come ammazzare il capo 2
TRAILER Fermo immagine del trailer
Come ammazzare il capo 2
(Horrible Bosses 2, 2014, Usa)

Il sequel della commedia di successo del 2011, “Come Ammazzare il Capo e Vivere Felici”, vede di nuovo insieme Jason Bateman, Charlie Day e Jason Sudeikis nei ruoli dei nostri lavoratori frustrati preferiti: Nick, Dale e Kurt. Anche Jennifer Aniston, il premio Oscar® Jamie Foxx e Kevin Spacey tornano nei rispettivi ruoli interpretati in “Come Ammazzare il Capo e Vivere Felici”; mentre Chris Pine, ed il premio Oscar® Christoph Waltz, entrano nel cast pronti ad ostacolare i sogni di successo dei ragazzi.


La squadra è al completo ed è pronta, ancora una volta, a presentare ai propri capi un conto salatissimo. Stufi di render conto alle alte sfere, Nick, Dale e Kurt decidono di mettersi in proprio e diventare manager di se stessi. Fino a quando un investitore senza scrupoli li metterà in mezzo ad una strada, estromettendoli dall'attività. Disperati e senza alcuna speranza in un ricorso legale, i tre aspiranti imprenditori mettono in atto un piano maldestro: rapire il figlio dell'investitore e chiedere come riscatto il controllo della loro azienda.
Come Ammazzare il Capo e Vivere Felici 2” è diretto da Sean Anders e prodotto da Brett Ratner, Jay Stern, Chris Bender, John Rickard e John Morris.

I RAGAZZI SON TORNATI

"Forse non è una questione di soldi. Forse è non dover lavorare mai più per qualcun altro. Dico solo che abbiamo scommesso su noi stessi".

Nel 2011 il pubblico di tutto il mondo ha abbracciato Nick, Dale e Kurt, gli eroi sfortunati di "Come Ammazzare il Capo… e Vivere Felici", talmente frustrati dall’autorità dei loro capi mostruosi e fuori di testa, da non aver altra scelta se non farli fuori. Fortunatamente, hanno fallito in modo spettacolare: pasticciando la missione ad ogni svolta, facendosi prendere dal panico e prendendo decisioni folli che hanno fatto volare il film ai vertici dei botteghini di tutto il mondo – suggerendo altresì che non tutti sono tagliati per l’omicidio, per quanto giustificabile. Probabilmente questi tre ragazzi dovrebbero provare a riconsiderare i loro percorsi di carriera.

In "Come Ammazzare il Capo 2" Nick, Dale e Kurt fanno esattamente questo: pianificano un'invenzione originale inseguendo il ‘sogno Americano’.

"I ragazzi progettano un prodotto che pensano di poter costruire, lanciare sul mercato e vendere", dice Jason Bateman. "Ci investono tutto quel che hanno, decidendo di scommettere su loro stessi, il che -visti i soggetti- non è proprio un’idea geniale. Difatti non c’è voluto molto tempo affinché le cose degenerassero".

La nuova avventura trasporta il trio in un territorio nuovo dove avranno a che fare con  nuovi e temibili nemici, ma che affronteranno con la stessa chimica imbattibile, la folle energia, l’entusiasmo ed il rischio che ha reso Bateman, Charlie Day e Jason Sudeikis gli indiscussi protagonisti del precedente episodio.

"E’ dalle piccole cose che nascono le risate più grandi", sostiene Day, "come quando fanno un’ irruzione in una casa, o devono svignarsela di fretta, oppure quando stanno semplicemente seduti in macchina cercando di capire come organizzare un piano, senza peraltro riuscirci. Penso che questo sia il loro fascino".

"Continuiamo sempre a stupirci", ammette Sudeikis. "Charlie, Jason ed io diventiamo una sorta di unità auto governativa, mantenendo il controllo su tutto, ed equilibrando ogni cosa. Mi reputo estremamente fortunato ad aver lavorato nella mia carriera con grandissimi cast, e questo è senz’altro uno dei migliori".

Il regista e co-sceneggiatore Sean Anders, che ha lavorato assieme a Sudeikis nella hit comedy dell’anno passato "Come ti Spaccio la Famiglia", annuisce. "Erano elettrizzati", dice. "Nei due mesi antecedenti l’inizio delle riprese ci siamo molto dedicati alla sceneggiatura, e quando è arrivato il momento ci siamo soffermati a definire le scene, apportando le nostre diverse idee. Un  paio di scene erano più o meno attinenti allo script, ed è lì che i ragazzi c’hanno messo del loro, rendendoli tra i momenti senz’altro più divertenti del film. A volte il mio lavoro è stato semplicemente quello di assistere ai virtuosismi di un grande staff, perché di questo si trattava".

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE