questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Brothers

Locandina del film Brothers
TRAILER Fermo immagine del trailer
Brothers
(Brothers, 2009, Stati Uniti)

Il dramma dei reduci si innesta in una storia familiare, dove un Capitano dei Marines, dato per disperso in una missione, torna a casa dopo una devastante prigionia, per scoprire che tra la moglie e il fratello c'è qualcosa di più di una semplice amicizia.

 

Brothers, come dice il titolo, è la storia di due fratelli molto diversi tra di loro. Il Capitano Sam Cahill (Maguire), marine di professione, ha deciso di tornare per la quarta volta in Afghanistan per combattere per il suo paese, e il più giovane Tommy (Gyllenhaal), la pecora nera della famiglia. Sam è un padre di famiglia, con due figlie, sposato con Grace (Portman), il suo amore dal tempo del liceo. Tommy è bello e problematico, è appena uscito di prigione dopo avere scontato una pena per rapina. I genitori dei due ragazzi lo riaccolgono in famiglia cercando di farlo a sentire il più possibile a suo agio. Intanto Sam parte per la guerra e poco tempo dopo arriva la notizia che l’elicottero sul quale viaggiava insieme ad altri militari è precipitato tra le montagne in una zona controllata dai nemici. Sam viene dato per disperso, in realtà è stato catturato dai Talebani e sarà obbligato a compiere azioni che cambieranno per sempre la sua vita. Nel frattempo Tommy cerca di stare vicino a Grace e alle bambine. Ma il sentimento che cresce tra i cognati sarà messo a dura prova dall’inatteso ritorno a casa di Sam. Un uomo traumatizzato che si deve confrontare con una situazione diversa da come l’ha lasciata.

 

Il regista Jim Sheridan – con all’attivo due Oscar per Il mio piede sinistro e autore di In nome del padre – torna a visitare il tema dei reduci, della difficoltà di comprensione e perdono all'interno di famiglie spezzate dalla guerra, con il rifacimento dell’apprezzato Non desiderare la donna d’altri di Susanne Bier, riscritto per lui da David Benioff, autore di La 25° ora. Un film che esce a fine anno per entrare nella rosa dei potenziali candidati all'Oscar, e che tra regia, sceneggiatura e splendido cast, c'è da scommettere che ci rientrerà. “Ho accettato di fare Brothers - ha affermato Sheridan – perché ho trovato Non desiderare la donna d’altri, un film splendido e struggente. Ho lavorato molto sugli attori: Maguire e Gyllenhaal mi sembravano perfetti come fratelli dato che si assomigliano molto anche fisicamente. Natalie Portman è più minuta di Connie Nielsen ma ha la stessa bellezza e lo stesso fascino. Inoltre volevo dire la mia sulle conseguenze disastrose che la guerra – in questo caso quella in Afghanistan - porta anche all’interno dei nuclei famigliari”. Lo sceneggiatore Benioff aggiunge: “I temi di Brothers sono materiale prezioso per uno scrittore. E’ una vicenda di sofferenza, responsabilità, dove l’attrazione vista come modo per sottrarsi ad un vuoto lasciato, diventa peccato. Oltre al fatto che Sam, una volta ritornato a casa, è un altro, è un uomo tormentato, prigioniero di un ricordo disumano. Finita ogni tenerezza, diventa violento, vede ovunque il tradimento da parte di coloro che ha sempre amato. Ed è come se volesse incolpare proprio le persone che tanto ha amato per quel gesto di ferocia cui è stato costretto da prigioniero, che non può dimenticare, che non si può perdonare”.

 

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE