questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Attack the Block - Invasione Aliena

Locandina del film Attack the Block - Invasione Aliena
TRAILER Fermo immagine del trailer
Attack the Block - Invasione Aliena
(Attack the Block, 2011, Gran Bretagna)

Londra. Sam (JODIE WHITTAKER), un’infermiera tirocinante, sta tornando a casa dal lavoro quando viene aggredita e derubata da una banda composta da cinque giovanissimi teppisti incappucciati: Moses (John Boyega), Pest (Alex Esmail), Denis (Franz Drameh), Jerome (Leeon Jones) e Biggz (Simon Howard). La donna riesce a fuggire quando un meteorite si schianta su una macchina parcheggiata lì vicino. Incuriositi, i ragazzi si avvicinano alla carcassa dell’automobile e, con grande sorpresa, vengono aggrediti da un piccolo alieno. Per nulla intimoriti, i cinque giovani si lanciano all’inseguimento della creatura e la uccidono. Dopo averla trascinata in giro per il quartiere come un trofeo di guerra decidono di nasconderla nell’appartamento di Ron (NICK FROST), uno spacciatore che vive nel loro stesso caseggiato e che ha creato una piccola coltivazione di cannabis in un appartamento abbandonato agli ultimi piani del palazzo. Mentre Sam e la polizia danno la caccia alla banda, una seconda ondata di meteoriti si abbatte sul quartiere: è un’invasione aliena in piena regola. Convinta di una facile vittoria contro creature così deboli, la gang impugna le armi, inforca le proprie bici e gli scooter e si prepara alla caccia. Ma questa volta le creature sono più grandi e molto più pericolose. Cercano il loro compagno caduto e nulla sembra poterle fermare. Il quartiere si trasforma in un campo di battaglia e il gruppo di teppisti diventa l’unica speranza di salvezza per chi vi abita…

 

ATTACK THE BLOCK – il cui titolo è un omaggio ad un film sud coreano poco conosciuto dal titolo Attack The Gas Station – è stato ispirato al regista e sceneggiatore Joe Cornish da un evento di cui è stato protagonista in prima persona. “Nel 2001, una gang di ragazzini mi rubò il portafoglio e il cellulare approfittando semplicemente della propria superiorità numerica – racconta –. Erano molto giovani, cosa che mi colpì molto, ma sono un codardo e così gli lasciai prendere tutto”. Determinante è stata, dopo qualche mese, la visione di  Signs, l’horror fantascientifico di M. Night Shyamalan. “L’idea della Terra messa sotto assedio da un attacco alieno mi ha sempre affascinato, così cominciai a pensare: cosa succederebbe se tutto questo accadesse nel quartiere dove sono cresciuto, South London? E cosa sarebbe successo se una cosa del genere si fosse verificata mentre mi stavano rapinavano? Da qui l’idea di un gruppo di ragazzini, emarginati dalla società e temuti da tutti, che improvvisamente si trasformano in eroi”. Cornish aveva un’idea precisa del film che voleva realizzare, “una sorta di action-movie stile anni ‘80, fortemente ispirato al lavoro di John Carpenter, con dei mostri a basso costo”.

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE