questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Alla ricerca di Nemo 3D

Locandina del film Alla ricerca di Nemo 3D
TRAILER Fermo immagine del trailer
Alla ricerca di Nemo 3D
(Finding Nemo, 2003, Usa)

Ad un anno esatto dalla ri-uscita in 3D de Il Re Leone, la Disney ha rimasterizzato in formato tridimensionale uno dei più preziosi gioielli della Pixar, vincitore dell' Oscar come Migliore film di animazione.

Nemo è un piccolo pesce pagliaccio che vive Grande Barriera Corallina insieme al papà Marlin, che da sempre lo protegge dai mille pericoli del mare. Arriva il primo giorno di scuola e padre e figlio si allontanano dalla loro casa: Nemo però sfida l’autorità paterna e nuota oltre la barriera, venendo catturato da un sub sotto gli occhi del genitore. Da quel momento inizia l’avventuroso viaggio di Marlin, accompagnato dalla strampalata Dori, per ricongiungersi al figlio, che nel frattempo è finito in un acquario…

Continua a pieno ritmo la rieditazione in 3D dei classici Disney. Così dopo Il re Leone, La Sirenetta, La bella e la bestia e nel 2013 anche Monsters & Co. anche Alla ricerca di Nemo torna in sala a partire dal 25 ottobre. Diretto da Andrew Stanton (Wall-E, John Carter), nel 2003 incassò qualcosa come 867,893,978 dollari in tutto il mondo. Il film è ricco di citazioni e riferimenti ad altre opere: Toy Story, Monsters & Co., Cars, Gli Incredibili: addirittura lo squalo Bruce (Bruto nella versione italiana) è una dedica neanche troppo velata a Lo Squalo di Spielberg.

Premiato con L’Academy Award per il Miglior film di animazione, al momento della sua uscita si posizionò al secondo posto per il film d'animazione col maggior incasso di sempre (il primo è Il re leone), superato poi da Shrek 2 e Toy Story 3. “Questo è davvero un film per tutta la famiglia – commenta Andrew Stanton - I bambini si divertono, ma è ricco di spunti per gli adulti: parla dell’importanza della comunicazione con l’altro e del lasciare i propri figli liberi di crescere e di sbagliare”. Stanton è entusiasta anche della conversione in 3D: “Ci siamo divertiti molto – conclude – in particolare i movimenti dell’acqua sono naturalissimi, il pubblico avrà le netta sensazione di trovarsi nel mare insieme a Nemo e Marlin!”.

 

 

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

ULTIME NOTIZIE