questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Wolf Creek 2, sequel riuscito secondo la stampa internazionale?

Attualità

10/06/2015

Il 10 Giugno torna il terrore australiano di Wolf Creek 2, il sequel dell’inquietante e folle horror diretto da Greg McLean e distribuito da Medusa Film. Presentato in anteprima alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia del 2014, il film si svolge tra la polvere dell’outback australiano, un luogo isolato dal mondo che può diventare davvero pericoloso se un serial killer si aggira da quelle parti. 

In questa selvaggia terra di nessuno, la calura soffocante e opprimente non è l'unico pericolo dal quale guardarsi. Annoiati dalle rotte turistiche più frequentate, i giovani viaggiatori Rutger (Philippe Klaus) e Katarina (Shannon Ashlyn) desiderosi di conoscere la "vera" Australia si dirigono verso il bellissimo ma isolato Wolf Creek National Park. Lontano dalla civiltà, il maestoso e affascinante paesaggio caratterizzato da enormi spazi aperti nasconde terribili insidie e pericoli. Lo psicopatico cacciatore Mick Taylor (John Jarratt) è l'ultimo uomo al mondo che un viaggiatore dell’outback vorrebbe incontrare, il cui disprezzo per la vita umana ha raggiunto nuovi e ancor più terrificanti livelli. Intanto, coinvolto suo malgrado in una situazione da "horror", il viaggiatore Paul Hammersmith (Ryan Corr) sta per imbucarsi ad una festa alla quale nessuno vorrebbe essere stato invitato.

Questo film è uscito dalla bottiglia senza pretese metaforiche o psicologiche” ha scritto The Hollywood Reporter, sottolineando la natura di un film che nasce per intrattenere, che mantiene una sua dignità, pur essendo un sequel. Il primo film, dello stesso regista, risale al 2005 e manifestando uno stile e un raggio di azione di tipo indipendente, ha conquistato critica e pubblico per l’originalità della messa in scena e una regia dinamica e tagliente, che è riuscita a scuotere l’azione e a creare una giusta dose di adrenalina e suspance intorno ai personaggi e alle situazioni. Come ha aggiunto VarietyNon è sorprendente, né fondamentalmente spaventoso come il suo predecessore, ma questo nuovo film si presenta robusto e procede come una bella corsa mozzafiato”. Il ritmo di Wolf Creek 2 infatti è coinvolgente e permette allo spettatore di vivere le paure del protagonista e perdersi con lui nel deserto e in luoghi ameni e claustrofobici, rincorrendo la mera sopravvivenza. 

Se non siete in grado di gestire la vostra paura all’estremo, Wolf Creek 2 non fa per voi” ha consigliato Hitfix, sottolineando che McLean ha scelto di mantenere un registro più vicino al genere horror, seppur contaminato con il thriller più teso e avvincente. “Ci sono gli shock un po’ gratuiti nel film, ma ci sono anche momenti terrificanti che comandano poeticamente la nostra empatia” ha aggiunto Slant Magazine, mentre The Playlist ha scritto: “C'è molto da ammirare in Wolf Creek 2, non ultimo la faccia tosta del regista Greg McLean, un regista visualmente adepto che si avvale bene dell'ampia tela che è l’entroterra”. Anche se la sceneggiatura risulta abbastanza ordinaria e la storia può risultare già vista, la forza di Wolf Creek 2 infatti è proprio lo stile della narrazione e la composizione delle varie inquadrature che McLean realizza con molta attenzione ai dettagli e rendendo irresistibile ed imprevedibile il folle e psicopatico Mick Taylor.

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA