questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Video Intervista a Mark Boal sceneggiatore di Zero Dark Thirty

Attualità, Clip

08/02/2013

Da ieri è nei cinema l’ultimo film della straordinaria Kathryn Bigelow, Zero Dark Thirty, cinque nomination agli Oscar, tra le quali: Miglior Film.

Mark Boal (New York City, 23 gennaio 1973) è un giornalista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense. Dopo avere passato buona parte della sua vita in moltissime zone di guerra come reporter per vari quotidiani americani è nel periodo che si reca in Iraq che inizia la sua collaborazione con la Bigelow, sua estimatrice, e, da alcuni anni, anche sua compagna nella vita. Da quella esperienza Boal si convinse che sarebbe stato interessante realizzare un film sulla storia degli artificieri americani impiegati in Iraq, così si mise al lavoro sulla sceneggiatura per il film, intitolato The Hurt Locker. Senza il sostegno di importanti major, Boal e la Bigelow dovettero contare su finanziamenti indipendenti e girare il film interamente in Giordania. The Hurt Locker è stato inizialmente presentato alla 65ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia e uscito quasi in sordina della sale cinematografiche, successivamente ottenne le lodi della critica, vincendo numerosi riconoscimenti. Il film ottenne nove candidature agli Oscar 2010, vincendone sei, tra cui quello per la migliore sceneggiatura originale di Boal e fece entrare la Bigelow nei guinnes dei primati come prima donna nella storia che vinse l’Oscar per Miglior Film e Miglior Regia.

Ora sono tornati con un’altra grande sfida, raccontare i dieci anni, dalla tragedia dell’11 settembre 2001 che servirono per catturare e uccidere il numero uno di Al Qaeda, Osama bin Laden. Da questo progetto è nato un film eccezionale, 157 minuti di minuziosa ricostruzione di questi dieci anni, tra action e intimismo. La protagonista, infatti, è Maya un’agente della CIA ma una donna che – autrice nella realtà della riuscita dell’operazione – dedicò tutto questo periodo per arrivare a scoprire dove si nascondeva bin Laden e combattendo contro tutto e tutti… perché non è semplice essere una donna in un mondo maschile e maschilista come quello della CIA, della politica e dell’esercito, con una determinazione fuori dal comune, centra l’obiettivo! IMPERDIBILE!

http://www.youtube.com/watch?v=0cIJR0tWEN0&feature=youtube_gdata

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA