questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Vicino al Colosseo… c’e’ Monti

Attualità

15/09/2008
Al 29 di Via dei Serpenti, sopra il gelataio celebre per la sua ‘stracciatella’, abita da solo Mario Monicelli. Il suo piccolo loft, azzurro e giallo, in puro stile sixties, sembra l'abitazione di uno studente di Stoccolma. La cinepresa percorre con lui le strade e riprende gli incontri con la gente. Sembra di passeggiare per un paese; è, invece, il quartiere di una metropoli. Nella sezione Fuori Concorso della 65° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia arriva un Maestro del Cinema Italiano, Mario Monicelli, con un cortometraggio, intitolato Vicino al Colosseo… c’è Monti, dedicato al rione di Roma dove abita. “Non ho filmato con ‘regia di’ – afferma Mario Monicelli – perché il vero lavoro se l’è fatto la montatrice Valentina Romano, che ha ricavato da sette ore di girato quei 22 minuti. E poi in realtà non ho raccontato nulla, sono solo annotazioni, immagini libere senza fondamento, girando senza approfondire, con superficialità, perché è così che si riesce a conoscere meglio”. Un film passeggiata che racconta il bellissimo quartiere romano di Monti, per l’appunto vicino al Colosseo dove il Maestro toscano vive da venticinque anni. Insieme alla sua macchina da presa, che raramente lo mette in scena, si entra dal barbiere e dal macellaio che colleziona fumetti antichi, seguendo una processione, ascoltando suonare la banda del rione, passando un attimo per la mitica palestra di pugilato Audace, e per respirare un’aria di romanità popolare che purtroppo è in via di estinzione. Ma Monti tiene duro e con le sue associazioni, circoli per anziani e commercianti che non cedono al nuovo, si fa di tutto per preservare la Storia. A chi gli chiede cosa ne pensa del suo ‘rivale’ Manoel De Oliveira (100 anni) che qui al Festival ha presentato un divertentissimo e – a suo modo geniale – corto di sette minuti, Do Visìvel ao Invisìvel, Monicelli, non perde la sua tagliente ironia e risponde: “Per me è una vera ossessione. Non sopporto il fatto che sia più vecchio di me, più bravo di me, più svelto a fare i film e perfino più atletico. Lo detesto”.
Scritto da ADMIN
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA