questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Viareggio Europa Cinema : si cambia

Attualità, Eventi

28/09/2010

A partire dal nome - con 'Viareggio' che adesso anticipa la sigla tradizionale 'Europa Cinema' del Festival - l''edizione 2010 di Viareggio EuropaCinema, dall'11 al 18 ottobre, è quella di un Festival completamente rinnovato nella forma e nella sostanza. Intanto l'aggiunta del nome di Viareggio sta a significare un maggiore coinvolgimento del territorio, ed in particolare dell'Università, poi la stessa struttura del Festival, totalmente impostata sui giovani sia a livello artistico (la selezione è stata fatta dai giovani dell'Università di Pisa), che a livello critico (la giuria è composta da cento studenti, coordinati da un comitato di professori universitari. Quindi gli studenti come veri protagonisti di questo evento 'culturale' a tutti gli effetti, vista l'attenzione e il rigore nei confronti del livello qualitativo dei film. Lo ha presentato stamani il Prof. Pier Marco De Santi, nuovo Direttore Artistico della manifestazione. Riservato ad opere 'da prime a terze', per valorizzare la produzione dei giovani autori, il cartellone del Concorso è composto da 13 film, provenienti da altrettanti paesi europei, e scelti tra circa ottanta lungometraggi inviati dalle varie Istituzioni Cinematografiche Nazionali e Film Institut europei che hanno accolto con grande slancio l'invito a partecipare a questa manifestazione.

Un cartellone molto vario ed interessante, con la presentazione di opere di alcuni registi affermati ma soprattutto di regisrti emergenti delle varie cinematografie europee. Unica nota dissonante, l'assenza di titoli italiani. "Non abbiamo ricevuto la stessa attenzione dai produttori italiani, troppo condizionati dalle scelte dei grandi festival autunnali - vedi Venezia e Roma - rispetto a quella ottenuta dagli altri filmaker europei. Ma siamo abbastanza fiduciosi che dal prossimo anno non mancheranno anche le adesioni italiane". Un Premio speciale, assegnato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha messo a disposizione della manifestazione il Premio della Presidenza da consegnare, ogni anno, ad un grande regista italiano. e che sarà assegnato a Carlo Lizzani. Inoltre il festival dedicherà un focus ad un paese europeo, quest'anno è stata scelta l'Ungheria con omaggio e retrospettiva dei due più importanti registi Miklos Jancso e Marta Meszaros, ed infine, in occasione del centocinquantenario della nascita di Anton Cechov una serata evento all'insegna di 'cinema e letteratura' con l'anteprima mondiale del russo Reparto n. 6 di Karen Shakhnazarov e Alexander Gornovsky.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA