questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Verso Venezia - Intervista a Michele Placido

Interviste

25/08/2009

Il grande sogno è il nuovo film da regista di Michele Placido dopo Romanzo criminale. Una pellicola fondamentale per questo attore e regista autentico cane sciolto, pragmatico e umorale, spesso 'politicamente scorretto'. Un primo grande film su un anno che sconvolse il mondo e di cui la nostra cinematografia è piuttosto scarna. Placido si dirige e si racconta. In quegli anni era un ragazzo del sud entrato in polizia che in breve tempo si ritrova dall'altra parte della barricata. Da manganellatore a contestatore. Ma il film è anche molto di più, uno sguardo a 360° sugli eventi epocali di quell'anno. Il grande sogno sarà nelle sale dall'11 settembre, distribuito da Medusa, dopo essere passato in concorso alla 66° Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Ne abbiamo parlato con Michele Placido.


Il grande sogno, un film decisamente importante per lei. Ora che è finito, dopo tanti dibattiti, interviste, che cosa ci dice? E' soddisfatto del risultato?

I registi sono sempre soddisfatti naturalmente ma, detto questo, ora bisogna vedere e capire che cosa ne pensano gli altri, in particolare mi interessa il giudizio del pubblico. Io quando prendo un film in mano seguo ovviamente la sceneggiatura ma anche le mie emozioni, e, ora, a lavoro finito posso dire che a livello emotivo e personale sono contento. Credo che un risultato importante è stato raggiunto: l'essere riuscito a raccontare quegli anni a modo mio, come volevo io. Non ho voluto raccontare il '68 ai sessantottini questo è certo, Il grande sogno è un film rivolto ai giovani di oggi.

 


Scritto da ADMIN
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA