questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Venuto al mondo: ecco Penélope Cruz sul set

Attualità, Personaggi

15/09/2011

E’ una Penelope Crùz dai capelli venati di grigio quella che vediamo sul set di Sarajevo di Venuto al mondo. L’attrice è arrivata in città lunedì con il marito Javier Bardèm ed il figlio Leo per incontrare il regista Sergio Castellitto, con il quale aveva lavorato per il bellissimo Non ti muovere. Si tratta dell’adattamento del romanzo omonimo di Margaret Mazzantini, già premio Campiello nel 2009.

Il film avrà una distribuzione a tutto tondo e non solo in Italia: a quanto sembra i titoli prescelti per il passaggio internazionale sarebbero Twice Born e Into the world.

Una mattina Gemma sale su un aereo, trascinandosi dietro un figlio di oggi, Pietro, un ragazzo di sedici anni. Destinazione Sarajevo, città-confine tra Occidente e Oriente, ferita da un passato ancora vicino. Ad attenderla all'aeroporto, Gojko, poeta bosniaco, amico, fratello, amore mancato, che ai tempi festosi delle Olimpiadi invernali del 1984 traghettò Gemma verso l'amore della sua vita, Diego, il fotografo di pozzanghere. Il romanzo racconta la storia di questo amore, una storia di ragazzi farneticanti che si rincontrano oggi invecchiati in un dopoguerra recente. Una storia d'amore appassionata, imperfetta come gli amori veri. Ma anche la storia di una maternità cercata, negata, risarcita. Il cammino misterioso di una nascita che fa piazza pulita della scienza, della biologia, e si addentra nella placenta preistorica di una guerra che mentre uccide procrea. L'avventura di Gemma e Diego è anche la storia di tutti noi, perché questo è un romanzo contemporaneo. Di pace e di guerra. La pace è l'aridità fumosa di un Occidente flaccido di egoismi, perso nella salamoia del benessere. La guerra è quella di una donna che ingaggia contro la natura una battaglia estrema e oltraggiosa. L'assedio di Sarajevo diventa l'assedio di ogni personaggio di questa vicenda di non eroi scaraventati dalla storia in un destino che sembra in attesa di loro come un tiratore scelto. Un romanzo-mondo, di forte impegno etico, spiazzante come un thriller, emblematico come una parabola”.

Ad affiancare la Crùz troveremo Emile Hirsch e Mediha Musliovic. Non è chiaro quando la pellicola arriverà in sala, ma secondo gli addetti ai lavori potrebbe approdare al prossimo Festival Di Cannes come già accaduto proprio per Non ti Muovere.

 

Scritto da Manuela Blonna
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA