questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Venezia: si parte!

Attualità

30/08/2011

Si comincia domani 31 agosto, con “Le idi di marzo” quarta regia di George Clooney, e si termina il 10 settembre (con Damsels in Distress di Whit Stillman), con una selva di proiezioni in mezzo più fitta di una giungla malese. E con le ricorrenti polemiche, in sottofondo, legate a strutture inadeguate e finanziamenti impossibili. Sarà una Mostra in formato gigante. Una mostra debordante dal cinema dei grandi Autori alle star di Hollywood ed alle rockstar. Una pioggia di titoli e di personaggi da mettere paura. E' il canto del cigno di Marco Mueller che ha voluto dare un potente colpo di coda a questo suo ultimo mandato (ma nessuno crede che sarà l'ultimo). Difficile immaginare come riuscirà a coniugare giorno per giorno un calendario così zeppo di eventi. A cominciare dal Concorso mai così ricco di Autori: da Polanski a Cronenberg a Sokurov, a Garrel, Friedkin, al solito Ferrara, al terzetto di italiani, capeggiati dalla sempre più brava Cristina Comencini. Il versante star che inizia alla grande con George Clooney, la faccia migliore di Hollywood, diviso tra glamour, impegno politico e impegno autorale, prosegue con Colin Firth, Gary Oldman, Keira Knightley, Viggo Mortensen, Willem Dafoe, Vincent Cassel, Jodie Foster, Kate Winslet, Christoph Waltz, John C. Reilly... E infine le rockstar, quelle vere, folgorate dal cinema, a rubare la scena alle celebrità dello schermo. Madonna, Vasco Rossi e Patti Smith, roba da far tremare i polsi ad un esercito di security. Gli Usa e l'Italia la fanno da padroni, i primi con cinque titoli sui 21 del Concorso, e l'Italia che oltre ai tre campioni del Concorso,  tra Eventi Speciali, Orizzonti e Controcampo (quest'ultimo dedicato esclusivamente al cinema italiano) fa il pieno di titoli. Riunendo idealmente, tra l'omaggio a Rossellini e il duetto Bertolucci-Bellocchio, tutte le generazioni di cineasti. Intanto i bookmakers danno come favoriti per la conquista del Leone d'oro A Dangerous Method di David Cronenberg e Faust di Aleksander Sokurov.
Secondo i bookmaker britannici, le pellicole di Cronenberg e Sokurov sono date a 8 seguite proprio dal film di Clooney, quotato a 9. Molto quotate anche le pellicole più "hot": Un été brùlant, il film diretto da Philippe Garrel con il nudo integrale di Monica Bellucci, è a quota a 9,00, insieme allo scandaloso Shame di Steve McQueen, con il nudo frontale di Fassbender. 
Tra gli italiani in gara, quello con la quotazione migliore è Terraferma di Emanuele Crialese, che viene dato a 13, mentre il film di Cristina Comencini, Quando la notte, è quotato a 15 e quello di Gianni 'Gipi' Pacinotti, L'ultimo terrestre, a 21.
Ma in una kermesse di questa portata, vincere non è l'obiettivo più importante. Quello che conta è esserci e riuscire a smuovere l'onda mediatica. Mostra d'Arte e di Gossip, dovrebbe essere rinominata, per precisione, la rassegna. Ecco perché sono così importanti, accanto ad un prestigioso gruppo di Autori con l'A maiuscola,  il nudo annunciato della Bellucci, la rilettura romantico-revisionista di Madonna della figura di Wallis Simpson e del suo dissennato consorte, oppure la presenza, ancora incerta, di Vasco Rossi.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA