questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Venezia: Amore e Chaos

07/09/2007

L'ultima volta che il maestro egiziano Youssef Chahine è stato a Venezia ha vinto il premio Unesco, con il film collettivo 11'09"01 – September 11. A cinque anni di distanza ritorna con un triangolo amoroso, drammatico, che riflette la condizione di una metropoli, Il Cairo, in cui l'umanità e la solidarietà sono doti sempre più rare. Heya fawda ovvero Le Chaos, è il penultimo film del concorso, aspettando Nikita Mikhalkov con 12.

Hatem, corrotto capo della polizia, ha un debole per la bellissima Nour, l'unica che osa tenergli testa, e irrompe nella sua esistenza in modo violento. La donna però è innamorata di Sherif, giudice onesto e coraggioso. A fare da sfondo a questo violento triangolo amoroso – ma con, allo stesso tempo, una assoluta valenza da protagonista – c'è il quartiere di Choubra, al Cairo, culla di profondissime tensioni sociali. Uno dei maggiori cineasti del mondo arabo, Youssef Chahine, classe 1926, anti-integralista e da sempre impegnato per i diritti civili dichiara: "Una volta dicevo ai giovani, non emigrate, abbiamo bisogno di voi qui. Ora dico loro di andare all'estero, perché in Egitto c'è troppa corruzione e a furia di stare qui si diventa tutti corrotti, nel corpo e nell'anima". Maestro Chahine proprio per queste dichiarazioni lei è stato accusato di essere pessimista, come risponde? "Rispondo – afferma Chahine – che le cose vanno dette, si devono sapere e quindi anche io, come fanno i potenti, pretendo di alzare la voce. Non è facile mettermi in prigione ed è anche un po' troppo tardi, diventerebbe quasi ridicolo per il governo del mio paese. E' fuor di dubbio però che gli dò fastidio".

Scritto da ADMIN
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA