questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Venezia 70: premio speciale a Ettore Scola

Attualità, Personaggi

20/08/2013

La Biennale di Venezia e Jaeger-LeCoultre annunciano che è stato attribuito al maestro del cinema italiano Ettore Scola il premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker 2013 della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dedicato a una personalità che abbia segnato in modo particolarmente originale il cinema contemporaneo. A proposito di questo riconoscimento a Ettore Scola, il Direttore della Mostra Alberto Barbera ha dichiarato: «Dagli esordi in qualità di scrittore satirico per il Marc’Aurelio, sino all’ultimo, bellissimo omaggio all’amico Federico Fellini, che sarà presentato a Venezia quest’anno, Scola si è imposto come uno degli autori più importanti del cinema italiano. Ha contribuito in maniera decisiva a renderlo grande e a farlo apprezzare in tutto il mondo, prima come sceneggiatore e poi come regista. Il premio è un modo per riconoscere il debito per i tanti regali che ci ha fatto nel corso di una lunghissima, esemplare carriera artistica».

La consegna del premio a Ettore Scola è in programma venerdì 6 settembre alle 16.45 in Sala Grande. A seguire la presentazione prima mondiale, fuori concorso, il nuovo film di Ettore Scola, «Che strano chiamarsi Federico! Scola racconta Fellini», omaggio a Federico Fellini in occasione del 20° anniversario della scomparsa.
Ettore Scola ha partecipato alla Mostra di Venezia per due volte in Concorso, nel 1989 con «Che ora è?», protagonisti Marcello Mastroianni e Massimo Troisi, vincitori ex aequo quell’anno della Coppa Volpi per la migliore interpretazione, e nel 1995 con «Romanzo di un giovane povero», per il quale Isabella Ferrari ha ottenuto la Coppa Volpi per la migliore interpretazione non protagonista. Nel 1998 Scola è stato presidente della Giuria internazionale che ha assegnato il Leone d’oro a «Così ridevano» di Gianni Amelio. I film di Ettore Scola sono stati quattro volte candidati all’Oscar (nel 1977 «Una giornata particolare», nel 1978 «I nuovi mostri», nel 1983 «Ballando ballando» e nel 1988 «La famiglia»). Scola ha ottenuto inoltre sette Nastri d’argento, sei David di Donatello e tre César (l’Oscar francese).
Jaeger-LeCoultre è per il nono anno sponsor della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, e per il settimo del premio Glory to the Filmmaker. Il premio è stato assegnato negli anni precedenti a Takeshi Kitano (2007), Abbas Kiarostami (2008), Agnès Varda (2008), Sylvester Stallone (2009), Mani Ratnam (2010), Al Pacino (2011), Spike Lee (2012). Ettore Scola è pertanto il primo regista italiano a ottenere il premio.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA