questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Venezia 70: Joe - E’ il giorno di Nicolas Cage

Attualità

30/08/2013

Si è svolta questa mattina la conferenza stampa di "Joe" film di David Gordon Green che vede protagonista la star hollywoodiana Nicolas Cage nella sezione Fuori Concorso al Festival di Venezia 70. Si presenta alla stampa con un abbigliamento casual, camicia bianca e giacca blu, e il suo immancabile sopracciglio alzato pronto a rispondere a tutte le domande inerenti il suo personaggio, Joe Ransom, anti eroe dall'animo buono che involontariamente si ritrova ad avere un figlioccio, un ragazzo appartenente ad una famiglia disastrata a cui Joe darà il suo affetto e la sua protezione. Anche a costo della vita. Una pellicola che racconta una delle tante realtà del sud americano, fatte di alcolismo, crisi sociale e voglia di rivalsa, almeno nei rapporti interpersonali. Una storia che sicuramente che non brillerà per originalità, ma che mette in evidenza la bravura del suo interprete principale, Nicolas Cage, incarna le dinamiche di un uomo tormentato, dall'animo nobile che a volte ha fatto a pugni con la vita e che spesso non ne è uscito vincitore.
David Gordon Green racconta come è arrivato a questa storia: "Volevo raccontare una storia che mi collegasse alle mie radici, dove sono nato nel Texas, è pieno di vicende del genere. La vita di quest'uomo, Joe mi ha sempre affascinato, sono stato fortunato avevano girato un documentario su di lui quando era in vita e sono riuscito anche ad entrare in contatto con lo stesso sceneggiatore che ci ha aiutato. Molti dei miei film sono interessati a scoprire la mascolinità dell'uomo, Joe è un progetto che volevo fare assolutamente. Lo comprendo ed ho empatia con lui, ma allo stesso tempo mi rispecchio anche nello sceriffo che prende e ragguaglia Joe delucidando sulla strada giusta da percorrere. Joe affronta le mille diverse sensazioni che prova con il suo codice morale e comportamentale, per questo non rispetta il codice della legge. E' un western moderno sulla redenzione di un uomo attraverso una forza esterna."
Prende la parola Cage: "Ho letto il libro di Larry Brown a cui è ispirato il film e sono entrato in sintonia con il personaggio, dopo ho cercato di abbinarmi alle visioni del regista trovandomi con un ottimo cast. Solitamente mi prendo un anno per decidere su quale copione concentrarmi, con "Joe" è stato subito un si, anche perché mi dava l'opportunità di lavorare con Green." Qualcuno chiede a Nicolas del suo feeling con la Cina, molto acclamato in patria, l'attore ironizza :"Ho un ottimo rapporto con la Cina, hanno un cibo buonissimo (ride)!Seriamente adoro gli attori, il loro cinema, i registi, so che si lavora molto bene, sarà li fra tre settimane per un film sovvenzionato dalla Cina."

Il giovane protagonista Tye Sheridan racconta della sua esperienza sul set:"Abbiamo lavorato tutti con grande passione, è stato divertente e per me esserci un'immensa occasione. Ci sono stati momenti in cui con Nicolas eravamo veramente collegati, e credo che questo si veda anche nel film." Una nota stonata emerge dalla conferenza, uno degli attori, Gary Poulter, che nel film interpreta il papà alcolizzato di Sheridan è venuto a mancare prima di poter vedere il film terminato. L'uomo non era un attore, ma una persona di strada con una vita travagliata e il regista Green ha voluto spendere due parole su di lui e sul suo lavoro:"E' un onore lavorare con attori come Nicolas, capace di rinnovarsi ogni volta, ma è un'avventura e un onore anche poter lavorare con persone come Gary Poulter, scoperto dal direttore del casting, un personaggio davvero straordinario. Ci ha raccontato della sua laurea in ingegneria e della difficile strada della sua vita, come nonostante tutto, sperasse sempre in un futuro. C'era in lui qualcosa che richiedeva di potersi esprimere, l'abbiamo voluto sin dalla prima lettura del copione e si è guadagnato così il ruolo da terzo protagonista. Ha dato onestà alla storia e all'ambiente brutale che racconta, dopo il la produzione finale è venuto a mancare. E' stata una grande perdita per noi, che speravamo di poterlo inserire già in un eventuale prossimo progetto."

c'è spazio anche per la polemica del nuovo Batman qui a Venezia, quando gli viene domandato cosa pensi di Ben Affleck, da grande signore qual'è Cage risponde: "Sono felice per Ben, è un buon attore e ha sempre fatto un ottimo lavoro nei suoi film."

Scritto da Sonia Serafini
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA