questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Venezia 70: Daniel Radcliffe infiamma il lido con Kill Your Darlings

Attualità

01/09/2013

Immaginate di avere diciotto anni, di essere una ragazzina che è cresciuta affezionandosi ad una saga di film, incantati ed avvincenti, che la facevano sognare di andare a prendere la metro, magari al binario 9 ¾, posto tra il 9 ed il 10 a King's Cross, e trovarsi in un altro mondo dove tutto era possibile. Immaginate che il protagonista di questi film cresca con voi e diventi grande, un bravo attore che oggi presenta un film al Festival di Venezia alle Giornate degli Autori. Ecco ora che la visione è completa, avrete davanti decine e decine di quelle ragazzine urlanti di felicità, accaldate e sovreccitate per riuscire anche solo a vedere Daniel Radcliffe. Ancora non c'erano state vere e proprie scene di isteria al Lido, trasformato per circa tre ore, in una gita scolastica. Daniel riceve i giornalisti in una mini conference alla terrazza Disaronno completamente presa d'assalto. Di persona è un ragazzo come tutti gli altri, minuto, dalla carnagione eterea, all'apparenza fragile nella sua timidezza, fa strano immaginarlo ribelle e scatenato in "Kill Your Darlings", opera prima di John Krokidas, eppure è proprio così. La Beat Generation e gli strascichi che ha lasciato, rivivono attraverso le storie dei suoi protagonisti in un'aggraziata pellicola che si distingue per la bravura dei suoi protagonisti e le buone scelte stilistiche del regista.


Un regista giovane che ha dichiarato di aver fatto questo film:"Non solo per gli amanti della Beat Generation, ma anche e soprattutto, per tutti quei ragazzi che oggi hanno 18, 20 anni, e non sanno che devono ribellarsi agli schemi, alle imposizioni, e affermarsi per conto loro". E ancora: "Quando mi è stato fatto il nome di Daniel ero un po' scettico, per un semplice motivo, non sapevo se era pronto ad un personaggio come Allen Ginsberg, avendolo visto sempre nello stesso genere. Il protagonista è un bravo ragazzo, che obbedisce ai genitori, non da preoccupazioni, non beve e non fuma. Eppure è pieno di sfaccettature, e alla fine riesce a mostrare il suo lato, la sua natura. Ci siamo incontrati per un primo appuntamento e da subito ci siamo scambiati dei dettagli personalissimi, è come un primo incontro fra due innamorati, nei primi cinque minuti capisci come andrà, e per noi è andata bene. Per me era la prima regia e dovevo trovare un attore che mi convincesse e che si fidasse di me per poterlo portare dove volevo all'interno del personaggio, Daniel è stato perfetto in questo."

Radcliffe racconta: "Non ho sentito pressioni per l'importanza del personaggio che dovevo interpretare, piuttosto ho cercato di dare la performance corretta che gli rendesse giustizia." A proposito dei fan spiega:" Tutti i fan che ho incontrato e che continuano a seguire la mia carriera sono persone che negli anni mi hanno accompagnato e seguito, anche quando ho cambiato genere , gli sono molto grato, soprattutto perché le mie non sono state scelte convenzionali, e potevano non essere comprese. Ma i Fan di Harry Potter, dei libri e dei film, non sono solo fan di quel genere, ma appassionati di ottimi film e ottimi libri."

Scritto da Sonia Serafini
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA