questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Una fondazione per la fiction

Attualità

15/09/2008
Convegno ad altissimo livello quello di stamane, venerdì 11 luglio: Fiction italiana - il futuro è un diritto, con il Presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo al tavolo con i presidenti di Rai e Mediaset, Claudio Petruccioli e Fedele Confalonieri. Marrazzo ha rilanciato con vigore il ruolo prioritario del Lazio nel settore audiovisivo, sia sul piano occupazionale che in quello degli investimenti, confermando l'impegno della regione sia nel RomaFictionFest che nella Festa del Cinema. Ciònonostante Marrazzo ha lanciato un segnale al Sindaco di Milano Letizia Moratti proponendo "un asse con Milano per costruire il Romifed", un mercato dell'audiovisivo che possa degnamente prendere il posto del vecchio Mifed. Infine ha annunciato, a breve, la costituzione di una Fondazione della Fiction ".
I numeri presentati durante il convegno sono molto evidenti: l'industria della fiction muove 740 milioni di fatturato, un dato importante, ma ancora nettamente inferiore a quello degli altri paersi europei. L'Italia inoltre è ancora decisamente arretrata, rispetto all'Europa, per quanto riguarda la tutela dei diritti, un settore in cui è necessario anche un nuovo intervento legislativo.
In Italia la fiction occupa il 19,2% del totale della programmazione, un dato che si colloca a metà strada rispetto al resto d'Europa (più di Francia e Regno Unito, molto meno di Germania, Danimarca e Austria), con una quota di fiction di importazione americana più alta che altrove. Gli investimenti, pari a 469 milioni di euro nel 2006, sono in linea con gli altri Paesi europei, ma con un grosso problema, evidenziato dal Presidente dell'Apt, Fabiano Fabiani, sulla precarietà dei diritti, che 'brucia' di fatto l'investimento iniziale. in definitiva "La perdita di ogni forma di diritto sull'opera compromette la possibilità di creare una library su cui fondare autonomia finanziaria e capacità di investimento".
Il Presidente della Rai Petruccioli, sembra cogliere l'appello di Fabiani: "Bisogna ragionare ormai in termini di partnership tra braodcaster e produttori: la via negoziale e contrattuale è quella da seguire per avviare un processo virtuoso, senza aspettare l'evoluzione normativa". Mentre Fedele Confalonieri rilancia la figura imprenditoriale del Produttore: "deve essere capace di mettersi in gioco", ma soprattutto deve essere capace di realizzare un pèrodotto di qualità.

Scritto da ADMIN
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA