questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Una favola per Spielberg

Attualità, Personaggi

27/04/2014

E' ufficiale. Steven Spielberg dirigerà Il Grande Gigante Gentile, un libro illustrato per ragazzi del 1982 di Roald Dahl, uno dei più celebri scrittori di libri per ragazzi, dalle cui opere sono stati tratti  vari film come  Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato, Matilda 6 mitica, James e la pesca gigante e Fantastic Mr. Fox di Wes Anderson. 

Un ritorno in grande stile alle favole, con un film in live action prodotto da Kathleen Kennedy e Frank Martshall per la Dreamworks e sceneggiato da Melissa Mathison, autrice di E.T.

Al centro della storia la piccola orfana Sofia, che viene rapita da un Gigante che a differenza dei suoi simili è vegetariano e non mangia i bambini … 

I diritti del libro erano stati acquistati tre anni fa dalla Dreamworks e per la regia del progetto si erano fatti vari nomi tra cui Chris Columbus e John Madden.

Adesso finalmente la decisione di Spielberg di prendere in mano direttamente il progetto, con inizio riprese nei primi mess del 2015 per un'uscita l'anno successive. Praticamente fermo da circa due anni, l'ultimo film diretto è Lincoln, Spielberg è stato accreditato in questo periodo per una serie infinita di progetti, a cominciare dall'ormai vecchio e mai abbandonato sci-fi Robocalipse, dallo storico Montezuma, con sullo sfondo la conquista spagnola del continente americano e la sconfitta dell'impero atzeco, per proseguire con il tramontato American Sniper, la trasposizione sullo schermo del romanzo The Kidnapping of Edgardo Mortara di David Kertzer nonché più recentemente un thriller senza titolo ambientato nel periodo della Guerra Fredda, scritto da Matt Charman e con Tom Hanks interessato ad interpretarlo.

Secondo alcune fonti vicine alla Dreamworks, di cui Spielberg è uno dei principali azionisti, la decisione di mandare avanti il progetto del libro di Dahl, di cui la Dreamworks ha già i diritti e che sarebbe in uno stadio avanzato di pre-produzione, sarebbe stata presa anche per arginare una potenziale crisi in casa Dreamworks, a causa dei dissapori tra Spielberg ed il Presidente Stacey Snider, che avrebbe già pronte le valigie per un nuovo incarico alla Fox.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA