questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Un ‘gioiellino’ per la Mostra di Venezia

Attualità

30/04/2010


Il film che farà parlare alla prossima 67° Mostra del Cinema di Venezia che si svolgerà dall'1 all'11 settembre 2010, diretta da Marco Müller, sarà molto probabilmente Il gioiellino, il nuovo film di Andrea Molaioli (La ragazza del lago) con interprete ancora e sempre il bravissimo Toni Servillo. Le riprese sono iniziate ad inizio aprile e la pellicola è incentrata sul crac della Parmalat. Servillo impersona Fausto Tonna, audace “uomo del fare” della nota azienda transnazionale parmigiana (nel frattempo risanata per la sua parte industriale). Prodotto da Indigo Film di Nicola Giuliano e Francesca Cima, il produttore ha dichiarato di essere felicissimo di tutti i film che hanno in cantiere essendo tutti progetti interessanti e anche piuttosto ardui. Oltre al film di Molaioli a breve inizieranno anche le riprese del nuovo film di Paolo Sorrentino con protagonista Sean Penn. La pellicola, che dovrebbe avere Londra tra le principali location, si intitola This must be the place ed è basata su una sceneggiatura del regista de Il Divo e di Umberto Contarello. E' la storia di una rockstar ricca e famosa che si è ritirata dalle scene e decide di cercare l'uomo che molti anni prima aveva torturato il padre in campo di concentramento. Giuliano ha spiegato che il feeling tra Sorrentino e Sean Penn era scattato al Festival di Cannes del 2008, dove l’attore, Presidente della Giuria, aveva premiato Il Divo insieme a Gomorra: "Penn, parlando con Sorrentino e Servillo – ha continuato Giuliano - aveva detto a Paolo che quanto avevano fatto loro due insieme per il film era qualcosa di simile a quello che avevano fatto insieme Kubrick e Peter Sellers". Il produttore sta anche lavorando all'ipotesi di un remake americano di La doppia ora di Giuseppe Capotondi, presentato a Venezia l’anno scorso in concorso: "Abbiamo avuto tre proposte, ma ci stiamo pensando con attenzione perché vorremmo essere coinvolti anche a livello produttivo". A una domanda sul suo cast ideale per la versione americana del film, Giuliano ha risposto: "Mi piacerebbero Benicio Del Toro e Naomi Watts. Mentre il regista, perché no, potrebbe essere anche Giuseppe Capotondi".

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA