questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Super Warner 2013

Attualità, Interviste, Personaggi

28/11/2012

A meno di due mesi dalla fine dell'anno dobbiamo rassegnarci ad una perdita a due cifre del box office?

Nonostante creda che parlare di percentuali sia prematuro, sono sicuramente evidenti alcune dinamiche. Il primo dato importante riguarda il cinema che invece di crescere tende a contrarsi. E se da un lato la cinematografia americana, pur non sviluppandosi, mantiene solida la sua dimensione, il cinema italiano perde colpi. In aggiunta a questi fattori, abbiamo un problema legato al cinema di qualità e al cinema d'autore, sia italiano che internazionale, che faticano ad andare oltre i confini del loro pubblico sofisticato, il quale, oltretutto, tende a ridursi per motivi anagrafici.

 Quali sono le cause?

 Sono molteplici ma la principale riguarda sicuramente la stagionalità. Il cinema italiano deve riuscire a competere con i suoi prodotti di punta per dodici mesi e non cannibalizzarsi in sei. Uno dei motivi che rendono più solido il cinema americano è la calendarizzazione nei dodici mesi dei suoi grandi blockbuster. Mentre cinema d'autore e cinema sofisticato non riescono ad andare oltre lo steccato del loro pubblico, che si assottiglia, provocando anche nel loro settore una contrazione degli incassi. Un ulteriore problema è legato alla sala. Se da un lato il grande cinema evento, i blockbuster, hanno trovato la loro sede ideale nei multiplex, il cinema d'autore si rivolge alle sale di città che stanno diminuendo e che spesso sono carenti o, complessivamente, meno accoglienti.

 In una situazione così complessa quali sono secondo lei gli interventi più urgenti?

 Intanto i produttori, i distributori e gli esercenti  devono capire che una miglior distribuzione del prodotto aiuta il mercato a crescere. Se noi congiuntamente forniamo prodotto per tutte le tipologie di pubblico, comprendo tutti i dodici mesi della stagione, avremo più possibilità di ottenere incassi più alti.Questo è un dato oggettivo. Su questo punto è necessario lavorare con grande forza, perché il 2013 deve essere un anno in crescita. Per quanto riguarda invece l'infrastruttura il problema è più complesso ed il ruolo delle istituzioni, in particolare quelle locali, a mio parere è fondamentale. Perché il motivo per il quale muoiono le sale di città è legato anche a degli oggettivi problemi di concorrenza e di dimensione economica sul mercato, ed è lì che secondo me le istituzioni, qualora riconoscano il valore sociale della sala, attraverso mezzi più idonei, possono dare un aiuto importante.

Il processo di integrazione dei due marchi Warner e Sony è decisamente completato, è stato difficile?

Quello che posso dire è che siamo molto soddisfatti, perchè ce l'abbiamo fatta. E' stata un’ integrazione dal punto di vista manageriale non banale, ma abbiamo sempre pensato che Warner e Sony avessero due listini compatibili che, insieme, avrebbero potuto moltiplicare il loro valore senza cannibalizzarsi. Questo  2012 lo sta dimostrando. Ed il 2013  ci regalerà un’ ulteriore conferma.

 Come si presenta l'estate Warner Bros?

 Forse, nell'insieme dei titoli, potrebbe rivelarsi come l’estate Warner Bros più forte di sempre. Partiremo a maggio con Il Grande Gatsby, con Leonardo DiCaprio, di Baz Luhrmann ed il terzo capitolo di Una notte da leoni, con il ritorno dell’ormai celebre gruppo di amici. A giugno After Earth – Dopo la fine del mondo di M.Night Shyamalan con Willy Smith che si trova a dover combattere per la sua sopravvivenza. Il 20 giugno arriva nelle sale Man of Steel L'uomo d'acciaio, Superman reinterpretato da Zack Snyder con la supervisione di Nolan. Due dei più grandi filmmakers contemporanei lavoreranno insieme per dare nuova forza e nuova vita al personaggio, e se pensiamo ai risultati che Nolan è riuscito a raggiungere con Batman, non possiamo che essere ottimisti. A  luglio sarà la volta di Pacific Rim, il blockbuster di Guillermo Del Toro che pensiamo possa diventare un franchise: dei mostri giganti provenienti dall’oceano vogliono distruggere l'umanità che per difendersi costruisce dei robot altrettanto potenti. Lo scontro è realizzato con degli effetti visivi incredibili.

 Quali sono i titoli italiani Warner del 2013?

 Il 2013 è un anno molto importante sia per il numero che per il livello dei progetti. Gli investimenti sono stati molto seri e ci aspettiamo ritorni altrettanto importanti. Il 1 gennaio avremo The Best Offer di Giuseppe Tornatore, il 7 febbraio Studio Illegale di Umberto Carteni con Fabio Volo,  il 28 febbraio Tutti contro Tutti opera prima di Rolando Ravello con Kasia Smutniak e Marco Giallini, prodotto da Fandango e, nel corso dell'anno, L'ultima ruota del carro di Giovanni Veronesi e Una piccola impresa meridionale di Rocco Papaleo. La varietà dei titoli e dei partner conferma la nostra volontà di continuare ad investire nel cinema italiano.

 Qualche altra anticipazione del listino 2013?

 Oltre ai titoli che abbiamo già visto, menzionerei Django di Tarantino con Leonardo DiCaprio a metà gennaio e Gangster Squad, un meraviglioso gangster movie con Sean Penn a febbraio. A marzo Gli amanti passeggeri di Almodovar e Jack the giant killer- Il cacciatori di giganti, un animation in 3d di Brian Singer che possiede tutte le carte per conquistare le famiglie. Successivamente avremo film horror come Carrie e Evil Dead. Dopo la straordinaria estate, ripartiremo con 300 La battaglia di Artemisia, sequel del cult 300, e con Roland Emmerich e il suo White House Down. Torneranno anche I Puffi in un secondo episodio esilarante, Elysium, un fanta-action  con Matt Damon e la commedia We're the Miller con Jennifer Aniston. Alla fine dell’ anno il secondo episodio de Lo Hobbit e Piovono polpette 2. E queste sono solo alcune anticipazioni. Il 2013 ha tutti gli elementi per rivelarsi un anno importante. I nostri due listini continueranno a mostrarsi compatibili comprendo, come promesso, con un’offerta importante, tutti e dodici i mesi della stagione.

 

 

 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA