questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Turteltaub ci racconta De Niro, Douglas, Freeman e Kline, visti da vicino…

Anteprime, Interviste, Personaggi

23/11/2013


Grande anteprima all'ombra della Mole per Last Vegas, film di apertura del Torino Film Festival, firmato Jon Turteltaub. Si tratta di una commedia a tratti esilarante su una 'zingarata' in salsa americana che vede protagonisti Robert De Niro, Michael Douglas, Morgan Freeman e Kevin Kline.
L'occasione e' ghiottissima e quindi chiediamo a Turteltaub, autore di pellicole come 'Quattro sotto zero' o 'National Treasure', come nasce questo progetto.

Mr. Turteltaub come e' cominciato tutto, come ha fatto a tenere in uno stesso hotel 4 giganti di Hollywood?
Lo script e' stato originariamente scritto 8 anni fa, venduto alla Cbs film perche' diventasse  un film a bassissimo budget. Ad un certo punto e' arrivato sulla mia scrivania e me ne sono subito innamorato. Ho insistito tanto che alla fine lo abbiamo fatto...

Partiamo dal cast, come ci e' riuscito?
Non e' stato facile come puo' immaginare. Il primo ad essere coinvolto e' stato Michael Douglas, che aveva già letto la sceneggiatura. Quando ci siamo incontrati non è stato difficile averlo in squadra, era entusiasta del suo ruolo. Certo avere anche Bob ci ha permesso di sperare davvero di realizzare il film, di chiamare altri grandi attori, che dovevano essere allo stesso livello dei primi due! Poi Morgan Freeman che ha detto siiiiiiii, anche perché il suo agente aveva contattato noi... (ride ndr.). Kevin Kline e' stato il più difficile, lui dice sempre di no a tutti i ruoli, però dopo una chiacchierata (di cinque ore) a New York ha detto di si e a quel punto il film era fatto!

Un film a basso budget con 4 superstar, ci sveli dove sta il trucco...
La grande professionalita' e la devozione ad una storia divertentissima da racvontare. Quando incontri quattro mostri sacri, come regista ti innervosisci sempre un po' e il pericolo era solo quello li.  Loro pero' sono talmente padroni della materia che è stata una passeggiata, anche perché abbiamo girato talmente poco, visto il basso budget, che non abbiamo avuto il tempo di farci il sangue amaro....
Piu' seriamente se non hai timore reverenziale verso un mostro sacro non riesci a dirigerlo sul set; se pensi di controllarlo appieno stai facendo lo stesso un errore. Devi restare sempre sul filo del rasoio!

Hanno contribuito anche loro in qualche modo al film? Alla sceneggiatura intendo
Morgan Freeman ama dire alla lettera le battute del copione; Bob le dice ma le prova in 100 posizioni, stessa cosa per Kline che prova con cappello e senza cappello, cantando, urlando, per capire cosa funziona meglio...
Non ho mai visto un film in cui la personalità e il carattere dell'attore non influissero. Quando Michael si commuove ad esempio, lo fa perché è scritto in sceneggiatura, ma lo fa come solo Michael Douglas o Morgan Freeman può fare, non so se rendo l'idea.

Qualche episodio particolare dal set 'all star' che ci può raccontare?
Per questo film sono stati tutti correttissimi, perché nessuno voleva la macchina più grossa o la stanza più bella. E' il lato positivo del basso budget, niente capricci da Star. Ad esempio dormivamo tutti in uno stesso hotel -dove poi è ambientato il film - tutti tranne Bob, che ha un suo hotel a Las Vegas e non poteva non andarci... Qui di entrava di nascosto a girare con noi! In generale poi tutti non sono stati contenti di salire sulle montagne russe, soprattutto perché ad esempio Michael odia davvero l'altezza...

C'è una scena esilarante che si rifà ad un mafia meeting, ha avuto consigli da De Niro, ce li la racconta?
Per fortuna era tutto scritto in sceneggiatura, ma se hai De Niro che deve fare una scena di mafia allora ti sentì baciato dalla fortuna...Non è mai chiaro come un attore può interpretare un personaggio, all'inizio non era scritto che dovessero essere loro ma dal momento che li ho scelti beh, a quel punto dovevano essere loro per forza. Abbiamo fatto la prima lettura e se avessero girato quel giorno avremmo fatto il film in un solo giorno. Potremmo invertire tutti i ruoli ogni sera perché sono talmente bravi che saprebbero farlo...

Pensando al futuro, a quando 'National treasure 3'?
Sono solo rumors quelli che dicono che il terzo episodio possa uscire nel 2015, ma ci spero. Quello che posso dire e' che l'idea e' quella di fare un salto in Italia o in Russia, spero di allargare la famiglia. I primi due film sono piaciuti ad adulti e ragazzi, io stesso vorrei il terzo episodio perché mi pagherebbero benissimo...

In conclusione la domanda dalle cento pistole. Se rifacesse lo stesso film tra vent'anni chi sceglierebbe per questi ruoli?
Mi lasci pensare...per Michael Douglas, Chris Payne; per Bob De Niro Jesse Eisenberg, per Morgan Freeman Zachary Quinto e per Kevin Kline.... Sempre Kevin Kline!!

 

Scritto da Titta Digironimo
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA